Coronavirus, Rezza (Iss): "Picco? Un rebus"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
30
Mer, Set
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, Rezza (Iss): "Picco? Un rebus"

Coronavirus, Rezza (Iss): "Picco? Un rebus"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

I modelli matematici per stimare il picco di Covid-19 "ci sono, e la Fondazione Bruno Kessler di Trento, con i nostri dati, sta realizzando appunto dei modelli.

Coronavirus, Rezza (Iss):
Coronavirus, Rezza (Iss): "Picco? Un rebus"

 

Ma il picco è difficile da prevedere, un po' un rebus, perché si tratta di un virus nuovo e fino ad ora abbiamo avuto scenari diversi: prima un aumento di casi in assenza di interventi di distanziamento sociale, poi c'è stata la misura nelle zone rosse e solo da poco" abbiamo una strategia uniforme "in tutta Italia". A dirlo all'Adnkronos Salute è Giovanni Rezza, direttore del Dipartimento di malattie infettive dell'Istituto superiore sanità, che aggiunge: "Stiamo vedendo piccoli segnali positivi dalle zone rosse. Ma bisogna anche dire che domenica scorsa in Italia ci si è mossi troppo". 

Rezza allude non solo alla movida dei ragazzi, ma anche alla 'fuga' dal Nord di tanti italiani verso le regioni del Centro-Sud. "Occorre tener conto anche di questi fenomeni. Insomma, prevedere un picco, in una situazione con più focolai, è azzardato - aggiunge - potrebbe essere raggiunto in una zona prima di un'altra". Nel frattempo, però, i ricercatori stanno conoscendo meglio il nuovo coronavirus.  

"Vediamo una percentuale di decessi piuttosto elevata, ma il coronavirus in Italia non è più cattivo di quello cinese - assicura - Se stratifichiamo i dati per età, vediamo che non c'è un eccesso di mortalità, anzi da noi la percentuale è leggermente inferiore alla Cina. Il fatto è che noi - torna a spiegare Rezza - abbiamo una popolazione più anziana e con patologie di base". La più a rischio di incappare in forme gravi. "Inoltre anche la strategia di fare tamponi solo ai sintomatici contribuisce a dare questa sensazione: se si testassero anche gli asintomatici - conclude - il dato si abbasserebbe".

 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook