Coronavirus, Burioni: "Non sappiamo se ci si può reinfettare"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Mer, Set
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, Burioni: "Non sappiamo se ci si può reinfettare"

Coronavirus, Burioni: "Non sappiamo se ci si può reinfettare"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Al momento non sappiamo se una persona può infettarsi di nuovo con il coronavirus dopo essere guarita.

Coronavirus, Burioni:
Coronavirus, Burioni: "Non sappiamo se ci si può reinfettare"

 

Questo perché nella fase in cui siamo è molto difficile capire chi si è reinfettato. Non possiamo prendere una persona malata e guarita ed esporla di nuovo. Per dare una risposta alla domanda se ci si può reinfettare ci vorrà del tempo e uno studio lungo". Lo spiega il virologo Roberto Burioni sul suo sito di informazione e divulgazione scientifica MedicalFacts.  

"Dopo essere stato infetto, il nostro sistema immunitario produce degli anticorpi, questi in molti casi sono in grado di bloccare una successiva infezione - ricorda Burioni - Un esempio sono il morbillo, la parotite e la varicella. Non sempre però le cose funzionano così: ci sono infatti dei virus che non suscitano una risposta immunitaria in grado di proteggere. Uno di questi casi è il virus respiratorio sinciziale, che colpisce i bambini, e non lascia immunità permanente. Ovvero si può essere infettati di nuovo. Altro caso è anche quello dell'virus dell'epatite C: su 100 infettati il 20% guarisce spontaneamente perché ha gli anticorpi ma non riesce ad essere protetto. Ovvero, se rincontra l'Hcv può di nuovo infettarsi".

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook