Coronavirus, imprenditore rientrato da Wuhan: "E' la terza quarantena"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Mer, Nov
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, imprenditore rientrato da Wuhan: "E' la terza quarantena"

Coronavirus, imprenditore rientrato da Wuhan: "E' la terza quarantena"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

di Giselda Curzi

Coronavirus, imprenditore rientrato da Wuhan:
Coronavirus, imprenditore rientrato da Wuhan: "E' la terza quarantena"

 

"E tre. Non si finisce più: è la terza quarantena: prima quando mi trovavo a Wuhan, poi al rientro in Italia alla Cecchignola e ora a casa, a Modena. Anche se in realtà non è proprio così perché io mi reco al lavoro, per poi rientrare immediatamente a casa dove mi aspettano, mia moglie e i miei due figli, di 11 e 13 anni, che non escono affatto". A raccontarlo all'Adnkronos è Michel Talignani, 45enne modenese, site manager di un'azienda del settore ceramico che si trovava a Wuhan al momento dello scoppio dell'epidemia e che una volta rientrato in Italia ha trascorso la quarantena alla Cecchignola per poi tornare a casa a Modena.  

"L'azienda è in produzione, stiamo lavorando a ranghi ridotti - continua Talignani - normalmente siamo circa 800 persone in totale a lavorare, ora tutti coloro che possono lavorare da casa lo fanno, come gli amministrativi e altri. Chi sta in fabbrica lavora rigorosamente seguendo tutte le misure di sicurezza del caso: distanza, mascherina, norme igieniche. Ribadisco vengono rigorosamente rispettate tutte".  

"Le misure adottate sono giustissime, ma forse andavano attuate subito - dice Talignani - all'inizio della comparsa dell'epidemia e, sempre forse, a questo punto eravamo in fase discendente. Comunque sono restrizioni dure, difficili, stare chiusi a stretto contatto non è facile, ma sono giuste perché il virus non si espanda ancora di più".  

"La famiglia? A casa. Rigorosamente a casa, non escono. Fortuna abbiamo un giardino dove i due figli e mia moglie possono stare e meno male che sono due e giocano insieme - continua Talignani - Sono bravi, non ci possiamo lamentare. E' stata attivata anche la didattica a distanza, le insegnanti si sono attivate e studiano, fanno i compiti: l'11enne frequenta la quinta elementare mentre il 13enne quest'anno ha gli esami di terza media: sono certo che andrà tutto bene!". 

"Sono stato contento di sentire che a Wuhan la situazione è decisamente migliorata - conclude Talignani - ora possono uscire e girare anche senza mascherine. Speriamo che presto potremo farlo anche noi".

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook