Coronavirus, Oms: "In Europa un terzo dei casi mondiali"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Mer, Ott
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, Oms: "In Europa un terzo dei casi mondiali"

Coronavirus, Oms: "In Europa un terzo dei casi mondiali"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"L'Europa è l'epicentro della prima pandemia di coronavirus e ogni paese, senza eccezioni, deve intraprendere le sue azioni più audaci per fermare o rallentare la diffusione del virus".

Coronavirus, Oms:
Coronavirus, Oms: "In Europa un terzo dei casi mondiali"

 

Ad affermarlo Hans Kluge, direttore per l'Europa dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) in una conferenza stampa. "A oggi, 146 paesi nel mondo sono stati infettati da questo nuovo virus e oltre 6.500 persone sono morte - ha aggiunto - Un terzo dei casi riportati è in Europa. L'azione più audace dovrebbe includere l'azione della comunità".  

"L'Italia è uno dei Paesi più colpiti, ed è ora la piattaforma di know how in Europa. Quello che stiamo imparando in Italia servirà anche all'Europa e a tutto il mondo. Dobbiamo lavorare mano nella mano, imparando ogni giorno, in ogni settore", ha aggiunto poi Kluge sottolineando: "Ho incontrato nelle scorse settimane le autorità italiane e vorrei ribadire ancora una volta il mio apprezzamento al ministro della Salute Roberto Speranza per la trasparenza nel condividere i dati".  

Dorit Nitzan, coordinatrice per le Emergenze sanitarie dell'Oms Europa, ha poi fatto notare che "l'Italia ha una popolazione con più anziani di altri Paesi, ad esempio la Corea del Sud ha più giovani e più donne. E' un elemento che fa molta differenza e anche per questo dobbiamo sempre guardare alle situazioni singole, paese per paese". 

"Questo è un momento senza precedenti. È importante che i paesi lavorino insieme, imparino gli uni dagli altri e armonizzino gli sforzi. Il virus può essere respinto dalla solidarietà all'interno delle comunità, all'interno delle Nazioni e all'interno della nostra regione", ha poi aggiunto Kluge, sottolineando: "Le strutture sanitarie devono disporre delle attrezzature necessarie per prendersi cura delle persone gravemente colpite e per proteggere gli operatori sanitari dall'esposizione".  

"La buona notizia è che la Regione europea è vigile e in guardia. Sono state varate misure di preparazione e risposta a più livelli in tutti i nostri Stati membri. L'epidemia sta progredendo a velocità diverse nei diversi paesi a seconda della demografia e di altri fattori", ha sottolineato ancora Kluge, ricordando che "l'esperienza della Cina e di altri Paesi dimostra che i test e la tracciatura dei contatti, combinati con il distanziamento sociale e la mobilitazione della comunità, se attuati in modo rapido ed efficace possono prevenire le infezioni e salvare vite umane".

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook