Coronavirus, Galli: "Se dilaga a Milano siamo nei guai"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
30
Lun, Nov
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, Galli: "Se dilaga a Milano siamo nei guai"

Coronavirus, Galli: "Se dilaga a Milano siamo nei guai"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Se non riusciamo a contenere l'infezione nell'ambito di Milano città siamo tutti nei guai, milanesi e italiani.

Coronavirus, Galli:
Coronavirus, Galli: "Se dilaga a Milano siamo nei guai"

 

Un'estensione importante dell'epidemia nella città di Milano può avere conseguenze rilevanti a lungo termine, credo sia sotto gli occhi di tutti e nella capacità di immaginazione di tutti". Sono le parole di Massimo Galli, primario del reparto di Malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano, a Omnibus su La7. 

"Il tampone di massa a tappeto, visto che l'infezione ha una sua dinamicità, dal punto di vista della sanità pubblica non ha senso. Meglio il tampone mirato anche per assistere chi è a casa per circoscrivere i focolai", aggiunge. "La madre di tutte le battaglie è 'stare in casa', ma anche chi sta a casa ha bisogno di indicazioni più chiare. Ci siamo occupati giustamente degli ospedali, ma la battaglia sul territorio è fondamentale. Se vinciamo questa guerra la vinciamo nel territorio, i tamponi devono servire a circoscrivere i focolai", dice ancora. 

"Ho chiesto una mappa della città di Milano e dei comuni attorno per stabilire, via per via e quartiere per quartiere, come siamo messi in termini di infezione. Abbiamo interi quartieri abitati da pensionati o da persone che non hanno un'attività lavorativa in corso: sapere come va e identificare possibilità di ulteriore contenimento è fondamentale, perché spesso di tratta di persone che rischiano di più vista l'età", prosegue.

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook