Coronavirus, Iss: "In media 8 giorni tra sintomi e decesso
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Mar, Nov
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, Iss: "In media 8 giorni tra sintomi e decesso

Coronavirus, Iss: "In media 8 giorni tra sintomi e decesso

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

In media trascorrono 8 giorni tra l'insorgenza dei sintomi di Covid-19 e il decesso del paziente: dall'insorgenza dei sintomi al ricovero in ospedale (4 giorni) e dal ricovero in ospedale al decesso (4 giorni).

Coronavirus, Iss:
Coronavirus, Iss: "In media 8 giorni tra sintomi e decesso"

 

E' quanto emerge dal Report dell'Istituto superiore di sanità che analizza le caratteristiche dei pazienti deceduti positivi, pubblicato sul sito Epicentro, e aggiornato al 17 marzo. Inoltre il tempo intercorso dal ricovero in ospedale al decesso è stato di 1 giorno in più in coloro che venivano trasferiti in rianimazione, rispetto a quelli che non venivano trasferiti (5 giorni contro 4 giorni).  

Tra i pazienti morti per Covid-19, il numero medio di patologie pregresse osservate in questa popolazione è di 2,7. E solo 3 pazienti, e non 12 come indicato in precedenza, non presentavano nessuna malattia (0,8% del campione), 89 (25,1%) era affetto da 1 patologia, 91 presentavano 2 patologie (25,6%) e 172 (48,5%) erano colpiti da 3 o più patologie, si legge ancora nel Report. 

Nelle persone decedute positive al Covid-19 la terapia antibiotica è stata quella più utilizzata (83% dei casi), meno usata quella antivirale (52%), più raramente la terapia steroidea (27%).  

"Il comune utilizzo di terapia antibiotica – si legge nel documento - può essere spiegato dalla presenza di sovrainfezioni o è compatibile con l'inizio di una terapia empirica in pazienti con polmonite, in attesa di conferma laboratoristica di Covid-19. In 25 casi (14,9%) sono state utilizzate tutte e tre le terapie".

 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook