Coronavirus Lazio, D'Amato: "Ci aspettiamo lieve incremento"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Mar, Nov
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus Lazio, D'Amato: "Ci aspettiamo lieve incremento"

Coronavirus Lazio, D'Amato: "Ci aspettiamo lieve incremento"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"L'andamento del virus a Roma e nella nostra regione ha un trend inferiore al 20% ma nei prossimi giorni ci aspettiamo un lieve incremento".

Coronavirus Lazio, D'Amato:
Coronavirus Lazio, D'Amato: "Ci aspettiamo lieve incremento"

 

Così Alessio D'Amato, assessore alla Sanità della Regione Lazio, stamattina a Radio24.  

Sull'emergenza coronavirus D'Amato non usa mezzi termini: "Siamo in guerra". "Siamo in una situazione di guerra e non parlerò mai male di chi deve essere in questo momento il nostro alleato - aggiunge in merito alle polemiche, tra Regioni del Nord e Stato centrale, sugli approvvigionamenti di materiali e risorse - Siamo solidali con il sistema nazionale della protezione civile, con le altre Regioni e in particolar modo con la Lombardia, e stiamo cercando di lavorare su più livelli. L'importante è avere questi dispositivi, poi da quale canale provengono ci interessa poco", sottolinea ricordando che la Regione Lazio ha affrontato la questione garantendosi gli approvvigionamenti attraverso la partecipazione a gare internazionali. 

Sulla possibilità di aggiungere anche il Forlanini ai 5 Covid Hospital che oggi nella Regione mettono a disposizione in totale 298 posti solo di terapia intensiva e 1500 posti per malattie infettive e pneumologia, D'Amato spiega che "il tema del Forlanini non è all'ordine del giorno perché abbiamo bisogno di soluzioni rapide, in sette giorni non in sette anni, per cui non è una questione che adesso sta nell'orizzonte del lavoro che stiamo conducendo". 

D'Amato annuncia poi l'imminente disponibilità della nuova App introdotta nella Regione per controllare a distanza i malati di Covid-19 che si trovano a casa: "E' questione di ore. Oramai il sistema è ampiamente rodato".  

"Abbiamo lavorato con la federazione italiana dei medici di medicina generale - spiega - per creare questa App agile e semplice, che mette in contatto il medico di medicina generale e il pediatra con il proprio assistito che in questa fase sta in isolamento domiciliare". La App "consente di 'leggere' dei parametri fondamentali: due volte al giorno la temperatura e, per i casi più gravi, l'ossigeno nel sangue attraverso un pulsimetro che viene consegnato al cittadino. Per noi è uno strumento molto importante perché attualmente in domiciliare abbiamo oltre 8.500 concittadini. Aver costruito in così poco tempo questo meccanismo di rapporto con medici e pediatri è assolutamente importante. La App è scaricabile dal sito della Regione e stiamo aspettando che Google e Apple ci mettano in condizione di scaricarla sui loro store, è questione di ore e poi sarà ampiamente disponibile".

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook