Coronavirus, "più rischi anche per il cuore"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Coronavirus, "più rischi anche per il cuore"

Coronavirus, "più rischi anche per il cuore"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Dall'infarto alla miocardite, il coronavirus può aumentare anche i rischi per il cuore.

Coronavirus,
Coronavirus, "più rischi anche per il cuore"

 

E' il monito degli esperti del Cardiocenter dell'ospedale Niguarda di Milano, che sottolineano "l'importanza" - ancor più per pazienti fragili come ad esempio i cardiopatici - di "attuare tutte quelle misure igieniche e di stile di vita che possono ridurre la probabilità di contrarre il virus".  

"Il coronavirus colpisce più facilmente i soggetti cardiopatici", avvertono gli specialisti. "Chi soffre di cuore è vulnerabile alle complicanze delle sindromi influenzali (soprattutto a quelle respiratorie), in particolare in presenza di insufficienza cardiaca e/o comorbità come il diabete o le malattie polmonari croniche", si legge in una nota redatta in base alle "evidenze che emergono dal Convegno nazionale di Cardiologia che la Fondazione De Gasperis organizza ogni anno. Anche in un soggetto senza cardiopatia nota, però, l'influenza può aumentare il rischio di infarto fino a 6 volte rispetto alla norma, soprattutto nei soggetti anziani o con evidenti fattori di rischio cardiovascolare. Inoltre, in alcuni casi (di solito rari, fortunatamente), il virus può attaccare direttamente anche il muscolo cardiaco". 

La Fondazione Angelo De Gasperis ha avviato una raccolta fondi per il Dipartimento Cardiotoracovascolare De Gasperis di Niguarda. I fondi raccolti - si ricorda - saranno utilizzati per la creazione di nuovi posti letto nel reparto di Terapia intensiva. Ogni unità posto letto nel reparto di Terapia intensiva è composto da un letto, un respiratore, pompe infusionali e monitor. Il prezzo di ogni postazione si avvicina alla cifra di 70 mila euro. Le donazioni possono essere effettuate collegandosi al link https://www.degasperis.it/vuoi_aiutarci/donazione_online.html".

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002

Seguici anche su Facebook