CROTONE, minacce contro medici malattia
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

CROTONE, minacce contro medici malattia

CROTONE, minacce contro medici malattia

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Protesta sindacati categoria verso direttore amministrativo Asp

CROTONE, minacce contro medici malattia
CROTONE, minacce contro medici malattia

 

CROTONE, 24 MAR - Minacce ai medici, volantini e manifesti minatori appiccicati sotto casa di infermieri e agli ambulatori dell'Azienda sanitaria provinciale di Crotone. E' quello che accade a Crotone dopo la denuncia da parte del direttore amministrativo dell'Asp, Francesco Masciari che 300 dipendenti dell'azienda sanitaria avevano presentato certificati di malattia proprio in questo periodo. Oggi è apparso un manifesto con scritte offensive contro i "300 cani bastardi" proprio all'ingresso degli uffici Asp di via Messina, mentre volantini con minacce sono stati trovati all'esterno delle abitazioni di personale infermieristico e medico. I rappresentanti sindacali dei medici hanno scritto al direttore amministrativo Masciari denunciando il clima intimidatorio che stanno subendo. A scrivere sono state le sigle sindacali Aaroi-Emac (Cosco), Anaao Assomed (Saragò), Ascoti-Fidals (Zito), Cisl Medici (Tallarigo), Fesmed (Defazio), Fassd - Area Simet (Bilotta), Fials (Crugliano).

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002

Seguici anche su Facebook