Coronavirus, ospedale Sacco: "Rallentano nuovi casi al pronto soccorso"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
08
Sab, Ago
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, ospedale Sacco: "Rallentano nuovi casi al pronto soccorso"

Coronavirus, ospedale Sacco: "Rallentano nuovi casi al pronto soccorso"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Quello che osserviamo è un piccolo rallentamento dei nuovi casi che arrivano al pronto soccorso.

Coronavirus, ospedale Sacco:
Coronavirus, ospedale Sacco: "Rallentano nuovi casi al pronto soccorso"

 

Vale per l'ospedale Sacco di Milano e per gli altri ospedali della regione in piccolo. Il momento è ancora difficile perché gli ospedali sono saturi, hanno tutti pazienti che sono arrivati nelle settimane precedenti e la degenza per Covid-19 è lunga. E' un momento in cui la popolazione deve ancora di più mantenere le misure di contenimento, l'isolamento". E' il quadro tracciato da Giuseppe De Filippis, direttore sanitario dell'ospedale Sacco di Milano, intervistato a 'Sky Tg24'.  

"Non dobbiamo illuderci e smettere di fare quello che stiamo facendo. Se continuiamo su questa linea possiamo pensare che il rallentamento sia costante e non avremo dei 'rebound' di crescita", avverte De Filippis che insieme a Emanuele Catena, primario di Anestesia e Rianimazione dell'ospedale punto di riferimento nazionale per le bioemergenze, mette l'accento sul problema delle lunghe degenze per questa malattia.  

"La degenza è di almeno 15 giorni, e la disponibilità letti non è immediata - spiega Catena - Noi abbiamo 31 letti di terapia intensiva costantemente occupati" al Sacco "e speriamo di aumentarli a breve con le donazioni che ci sono state rivolte", dice riferendosi al progetto di Ceetrus Italy che ha offerto 3 milioni di euro e le maestranze per costruire una nuova terapia intensiva hi-tech in 60 giorni. "In tutta la regione i numeri di letti sono inferiori alla richiesta", conclude Catena.  

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook