Coronavirus, virologo: "Stimiamo da 400 a 600mila infetti, la maggior parte a casa"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Coronavirus, virologo: "Stimiamo da 400 a 600mila infetti, la maggior parte a casa"

Coronavirus, virologo: "Stimiamo da 400 a 600mila infetti, la maggior parte a casa"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Sicuramente penso che la situazione della Lombardia sia tale che non abbiamo le risorse per un programma" di tamponi a tappeto, "che abbia un impatto rapido sull'epidemia.

Coronavirus, virologo:
Coronavirus, virologo: "Stimiamo da 400 a 600mila infetti, la maggior parte a casa"

 

Lo stesso ritengo valga anche per altre situazioni. Si dovrebbe invece capire cosa alimenta il contagio. E io penso che il contagio in questo momento sia alimentato dalla trasmissione interfamiliare". Lo ha detto il microbiologo Andrea Crisanti, ordinario di microbiologia dell'università di Padova, intervenendo a 'Mezz'ora in più' su Rai3 sull'emergenza coronavirus. "Noi stimiamo da 400 a 600mila infettati. La maggior parte sta a casa con i familiari. E noi abbiamo visto che un familiare di una persona infetta ha una probabilità di infettarsi 280 volte superiore rispetto a chi non vive con persone infette" ha aggiunto. 

Crisanti ha detto anche che da quando sono stati presentati i risultati dello studio condotto a Vo' Euganeo sull'epidemia da nuovo coronavirus, "è stato evidenziato che gli asintomatici potevano contagiare. Hanno una carica virale paragonabile ai sintomatici. E questo è stato confermato anche da uno studio lombardo uscito 3 giorni fa. Il dramma italiano è dovuto al fatto che non si è prestata attenzione a ciò che avevamo sotto gli occhi". 

Per quanto riguarda il modello di Vo' Euganeo, "faccio riferimento alla settimana dal 20 al 27 febbraio: noi abbiamo analizzato tutta la popolazione di Vo', circa 3mila persone, e subito il 26 febbraio avevamo evidenziato che il 3% delle persone era già positivo. Questo numero era un'enormità. Ed è stata sottovalutata questa osservazione. L'altro aspetto è che il 45% degli infetti sono totalmente asintomatici, non pre-asintomatici. Tanto è vero che siamo tornati 9 giorni dopo e abbiamo rifatto i test, e gli asintomatici erano ancora tali o avevano eliminato il virus. Quindi abbiamo fatto notare che gli asintomatici potevano contagiare".  

"Io penso che questa battaglia si vince sul territorio - ha sottolineato - non sugli ospedali. Si vince quando riusciremo a creare la logistica e la capacità di individuare e bloccare il contagio".  

"Non parlo di fare il tampone a tutti - ha precisato l'esperto - ma se le persone stanno in quarantena, la persona infetta si è presa l'infezione dagli amici, dai vicini, dai parenti. E questa ricerca va fatta. Dove l'epidemia non è esplosa si possono ottenere risultati fantastici. Il 'modello Vo' Euganeo' funziona e lo dimostra il fatto che non c'è più nessun caso. E Vo' è stato uno dei primi epicentri" dell'epidemia da nuovo coronavirus. 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002

Seguici anche su Facebook