Coronavirus, Rezza (Iss): "9,8% popolazione infettata? Improbabile"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Mar, Nov
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, Rezza (Iss): "9,8% popolazione infettata? Improbabile"

Coronavirus, Rezza (Iss): "9,8% popolazione infettata? Improbabile"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Bisogna essere molto cauti nell'approssimare la popolazione italiana già infettata dal virus.

Coronavirus, Rezza (Iss):
Coronavirus, Rezza (Iss): "9,8% popolazione infettata? Improbabile"

 

 

Pur stimando i colleghi dell'Imperial College di Londra, ritengo davvero improbabile che in Italia sia stato infettato quasi il 10% della popolazione". A dirlo all'Adnkronos Salute Giovanni Rezza, direttore del dipartimento di Malattie infettive dell'Istituto superiore di sanità, commentando alcuni dei dati dell'ultima stima prodotta dai ricercatori britannici e relativa a 11 Paesi europei. Per l'Italia il report parla del 9,8% degli abitanti infettati da Covid-19: "Parliamo di poco meno di 6 milioni? Improbabile", ribadisce. 

"Facciamo qualche conto: se abbiamo poco più di 70.000 casi positivi, pur moltiplicandoli per dieci per tenere conto dei casi sfuggiti e degli asintomatici, arriveremmo a 700.000 mila. Una cifra molto diversa da quasi 6 milioni. Inoltre bisogna tener conto del fatto che la maggior parte dei casi in Italia si è verificato al Nord, in Lombardia", dice Rezza. "La stima dell'Imperial è una media nazionale? Vuol dire che un'elevata parte di popolazione al Nord si sarebbe infettata e che il virus abbia circolato silente nel resto d'Italia? L'Imperial College, prima di dare i numeri dovrebbe confrontarsi con chi lavora sul campo", aggiunge seccamente Rezza. 

"Come fa ad essersi infettato il 10% della popolazione al Centro-Sud? In tal caso - aggiunge scherzando - sarei immune anche io. Queste stime partono dai dati delle morti e fanno degli assunti, ma non tengono conto di studi di prevalenza e sierologici. Insomma - conclude - quello dell'Imperial College di Londra è uno dei gruppi più forti al mondo nell'elaborare modelli, ma la realtà italiana di Covid-19 è molto peculiare e differente nelle varie regioni, e occorre tenerne conto". 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook