Coronavirus, 30enne guarito: "Il virus mi ha cambiato la vita"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Lun, Gen
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, 30enne guarito: "Il virus mi ha cambiato la vita"

Coronavirus, 30enne guarito: "Il virus mi ha cambiato la vita"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"La mia vita è cambiata sicuramente, queste sono situazioni che fanno riflettere e io di tempo per pensare ne ho avuto in ospedale.

Coronavirus, 30enne guarito:
Coronavirus, 30enne guarito: "Il virus mi ha cambiato la vita"

 

Sì, sono cambiato eccome. Ognuno dovrebbe apprendere qualcosa da questi giorni, perché è la vita di tutti a essere cambiata". Con queste parole, Marco (nome di fantasia) - 30 anni appena compiuti e un lavoro che gli dà molte soddisfazioni - racconta la sua esperienza di malato Covid-19, curato con una terapia sperimentale nella Clinica di Malattie infettive a Chieti, e oggi guarito.  

"Ancora adesso non so dove, come e quando ho contratto il virus - dice il trentenne abruzzese ripercorrendo le ultime settimane - per quanto abbia cercato di darmi delle risposte. E' accaduto e basta, e farsi domande oltre un certo limite non era d’aiuto". Il giovane - riferisce la Asl Lanciano-Vasto-Chieti - è sempre stato informato e consapevole della patologia e della scelta del responsabile della Clinica, Jacopo Vecchiet, di curarlo con il Tocilizumab, farmaco già impiegato nella cura dell’artrite reumatoide e in grado di ridurre l’infiammazione che causa danni agli organi. Ha dato il consenso ed è iniziato il percorso. 

"Quando sei lì hai paura non solo per te - aggiunge Marco - ma per quelli che sono a casa e temi di avere contagiato. Mi tormentava il pensiero di essere causa di sofferenza per le persone che amo di più e che mai avrei voluto mettere in pericolo". Tante le emozioni provate in un reparto nel quale si è isolati e i contatti con il mondo di fuori sono pochissimi: il senso di solitudine, l’angoscia lo hanno accompagnato a lungo, ma poi è prevalso il senso della realtà che certo non gli fa difetto 

"Arriva un momento nel quale pensi a una sola cosa devi migliorare la tua condizione, vale solo quello", conclude il giovane che, tornato a casa, affronta ora il periodo di sorveglianza e la 'nuova' vita.

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook