Coronavirus, "zero morti a maggio solo se misure non si allentano"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Mar, Ott
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, "zero morti a maggio solo se misure non si allentano"

Coronavirus, "zero morti a maggio solo se misure non si allentano"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

L'Italia "ha superato la fase di picco di Covid-19 e il 19 maggio raggiungerà il traguardo 'zero decessi', ma le cose potrebbero cambiare se si allenteranno le misure di distanziamento sociale.

Coronavirus,
Coronavirus, "zero morti a maggio solo se misure non si allentano"

 

Questa però è una stima, che aggiorneremo ogni giorno sulla base dei dati della Protezione civile e di quelli che arriveranno dall'Istituto superiore di sanità". A dirlo all'Adnkronos Salute è Lorenzo Monasta, epidemiologo dell'Irccs Burlo Garofolo di Trieste, che ha seguito per l'Italia la ricerca dell'Institute for health metrics and evaluation (Ihme), organizzazione indipendente della School of Medicine dell'Università di Washington che fornisce i dati alla Casa Bianca, e che ha pubblicato ieri le previsioni sull'evoluzione della pandemia di Coronavirus. 

Lo studio: "In Italia 'decessi zero' dal 19 maggio" 

"Il totale dei decessi registrati nel nostro Paese sarà di 20.300 al 4 agosto 2020 - aggiunge Monasta - ma bisogna dire che il dato sulla mortalità è molto altalenante: il sistema di registrazione dei casi forse 'penalizza' un po' i modelli. In ogni caso in Italia si registra un eccesso di mortalità nelle regioni più colpite. Ma è importante avere un orizzonte temporale per pianificare, e bisogna ribadire che i modelli possono cambiare - ribadisce - se c'è un allentamento del distanziamento sociale". 

Per Monasta il modello e il confronto con il resto d'Europa evidenzia l'efficacia delle misure adottate nel nostro Paese. "Per Christopher Murray, direttore dell'Ihme, alla fine di questa prima ondata il 5% della popolazione italiana potrebbe essere stata colpita. Saperlo con certezza è importante per pianificare le attività e contrastare efficacemente una eventuale seconda ondata. E i test sierologici potrebbero essere utili da questo punto di vista".  

"Inoltre è importante sottolineare che i Paesi come l'Italia e la Spagna, più pesantemente colpiti all'inizio dell'epidemia in Europa, hanno agito in fretta. Mentre i Paesi che si sono mossi in ritardo per scelte politiche, come la Gran Bretagna, potrebbero pagare il prezzo maggiore: la stima è di 66 mila morti contro i 20 mila in Italia. La metà dei decessi che si verificheranno in Europa si concentrerà in Gran Bretagna", conclude. 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook