Coronavirus, Crisanti: "Manca ancora farmaco vero come fu per Ebola e Sars"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Mar, Ott
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, Crisanti: "Manca ancora farmaco vero come fu per Ebola e Sars"

Coronavirus, Crisanti: "Manca ancora farmaco vero come fu per Ebola e Sars"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Questa è una fase in cui non c'è una terapia che funzioni al 100 per cento: si prova qualsiasi cosa.

Coronavirus, Crisanti:
Coronavirus, Crisanti: "Manca ancora farmaco vero come fu per Ebola e Sars"

 

Ma questo riflette la grande necessità di trovare dei composti attivi: in qualche modo, anche per uso compassionevole, viene sperimentato qualsiasi farmaco che sembra avere un effetto. E' la stessa situazione che è accaduta per Sars ed Ebola". Lo ha detto al Messaggero l'epidemiologo Andrea Crisanti, direttore del Laboratorio di Virologia e Microbiologia dell'Università-azienda ospedale di Padova "La combinazione che ora si usa di più è la clorochina, che è un antimalarico, insieme alla azitromicina, un antibatterico. E pare che funzioni - aggiunge l'epidemiologo - Sono farmaci che interferiscono con alcuni processi della cellula che sono importanti per l'assembramento dei vari componenti del virus. In qualche modo ne ritardano la moltiplicazione".  

Sulla curva dell'epidemia e relative speranze, Crisanti ribadisce: "Le misure di distanziamento sociale stanno cominciando a fare effetto, una buonissima notizia. Gli italiani però a questo punto meritano trasparenza e un programma. Questo approccio scandito ogni 15 giorni disorienta le persone. Serve un piano, con criteri ben precisi e una strategia chiara su come reprimere i focolai che eventualmente ripartono. Ma spetta al governo tracciare la strada".  

"Per tornare alla normalità dobbiamo prepararci bene. Sarà un processo lungo e progressivo", ha detto ancora Crisanti che respinge l'ipotesi di poter ripartire presto con le attività: "Presto? Non è un avverbio temporale adatto in questa situazione. Piuttosto, meglio pensare a come si può tornare alla normalità di sicurezza". E spiega: "Bisogna tracciare i contagiati, aumentare la produzione e la distribuzione di mascherine per tutti". "I test anticorpali non credo siano la risposta giusta - aggiunge Crisanti - perché al momento hanno dei problemi. L'unica certezza che abbiamo è il cosiddetto tampone". I test sierologici sono da fare "in determinate circostanze per prevenire un'infezione". 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook