Coronavirus, Pregliasco: "Avremo ondate stagionali, a scuola a settembre"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
30
Lun, Nov
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, Pregliasco: "Avremo ondate stagionali, a scuola a settembre"

Coronavirus, Pregliasco: "Avremo ondate stagionali, a scuola a settembre"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

di Margherita Lopes 

Coronavirus, Pregliasco:
Coronavirus, Pregliasco: "Avremo ondate stagionali, a scuola a settembre"

 

Se un team di ricercatori su Science ha previsto che Sars-CoV-2 diventerà un virus stagionale, un po' come accade con l'influenza, "penso anche io che sarà così. Adesso però abbiamo una quota di 'untori' che sta spegnendosi lentamente, e occorre tempo alla Lombardia per esaurire il suo iceberg di casi". A dirlo all'Adnkronos Salute è il virologo dell'Università degli Studi di Milano Fabrizio Pregliasco, che spiega: "Avremo ondate stagionali, ma anche se la situazione sta migliorando è troppo presto per pensare di riaprire le scuole. Si sposta una gran quantità di gente e i rischi sono troppi. Penso che bambini e ragazzi torneranno a scuola a settembre". 

Mentre per quanto riguarda questa estate, "credo che dovremo restare comunque nelle vicinanze di casa: avremo difficoltà a uscire dalle nostre regioni per andare al mare, sottolinea il virologo. "Immaginare un esodo come quello delle scorse estati, ad esempio verso Puglia o Sicilia dal Nord, sarebbe difficile da gestire". Intanto il coronavirus inizia a rivelare i suoi segreti: secondo uno studio appena pubblicato su 'Nature Medicine', il patogeno è contagioso già 2-3 giorni prima che il paziente mostri i primi sintomi della malattia. "Questo può favorire la diffusione del virus, ma non stupisce: anche l'influenza o il morbillo sono contagiosi prima dei sintomi. Mentre per fortuna Ebola e Sars non lo erano, e questo rendeva più semplice bloccare la catena di trasmissione".  

Quanto allo sperato effetto del caldo sulla pandemia, "molti virus non amano le alte temperature, ma al momento ancora non ci sono dati disponibili per valutare le conseguenze del caldo su Sars-Cov-2. Non ci resta che aspettare", conclude il virologo.  

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook