"Piano segreto anti-virus del ministero della Salute a fine gennaio"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
09
Dom, Ago
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

"Piano segreto anti-virus del ministero della Salute a fine gennaio"

"Piano segreto anti-virus del ministero della Salute a fine gennaio"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

“Un piano nazionale di emergenza contro il virus, così drammatico che a febbraio il governo ha deciso di secretarlo.

"Piano segreto anti-virus del ministero della Salute a fine gennaio"

 

Dopo la rivelazione del Corriere, il ministero della Salute guidato da Roberto Speranza conferma in una nota i contenuti del rapporto top secret”. E’ quanto si legge in un articolo sul Corriere della Sera.

Emerge che, “lo studio chiesto dalla task force sul coronavirus istituita il 22 gennaio, è stato elaborato dalla Direzione programmazione sanitaria del ministero con l'Istituto superiore di sanità e l'Inmi Spallanzani. L'obiettivo? Prepararsi all'impatto sul sistema sanitario nazionale, ‘identificando una serie di eventuali azioni da attivare in relazione allo sviluppo degli scenari epidemici, al fine di contenerne gli effetti”.

“In quelle 55 pagine - si legge ancora - tecnici e scienziati elaboravano in grafici e tabelle i modelli matematici dei contagi allora in atto a Wuhan, città cinese da cui la pandemia è partita. Il risultato di quelle proiezioni era sconvolgente. Nel terzo scenario preso in considerazione - il più catastrofico, con un tasso di contagiosità (Ro) superiore a 2”.

Nell’articolo viene spiegato chiaramente che, ”se il nostro Paese non avesse scelto di fermare i motori dell'economia, isolare le zone rosse e chiudere in casa le persone i morti sarebbero stati un numero scioccante. “Tra 600 mila e gli 800 mila” ha detto al Corriere il direttore generale della Programmazione sanitaria, Andrea Urbani, difendendo la struttura dall'accusa di aver perso tempo nella gestione dell'emergenza”.

"Se il piano non è mai stato reso noto è “perché si è deciso di non gettare nel panico la popolazione", si legge ancora nell'articolo. E ancora: “La nota ufficiale non lo dice, ma tra le pagine più allarmanti del documento ci sono quelle che stimano la necessità di posti letto in rianimazione e terapia intensiva”. “Posti che - si legge - nella fase in cui l'emergenza ha raggiunto il picco, gli ospedali italiani non avevano a sufficienza. Anche per questo il ministro Speranza ha deciso che lo studio dovesse restare segreto”.

“Non si possono comunicare con leggerezza cose tanto delicate in una situazione drammatica”. "Tra gli estensori del piano - si legge ancora - figura anche un tecnico della Regione Lombardia, l'area del Paese che più ha dovuto avvalersi delle raccomandazioni contenute in quelle pagine. Adesso che il virus ha rallentato, il ruolo dello studio si è in parte svuotato. Perché tutti i protocolli sono stati attuati e perché non contiene indicazioni sulla fine del lockdown”.

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook