Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Mar, Apr

Coronavirus, al mare senza mascherine ma a 2,5 metri anche in acqua

Coronavirus, al mare senza mascherine ma a 2,5 metri anche in acqua

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

di Margherita Lopes 

Coronavirus, al mare senza mascherine ma a 2,5 metri anche in acqua
Coronavirus, al mare senza mascherine ma a 2,5 metri anche in acqua

 

"Al mare senza le mascherine, ma rispettando un distanziamento di almeno 2 metri e mezzo, in spiaggia e anche in acqua". A suggerirlo è Massimo Ciccozzi, responsabile della unità di Statistica medica ed epidemiologia molecolare del Campus Bio-Medico di Roma, che in vista della riapertura del 4 maggio, parlando all'Adnkronos Salute, suggerisce una serie di accorgimenti per vacanze al mare 'a prova di coronavirus'. Lo studioso ha co-firmato e pubblicato sul 'Journal of Translation Medicine' una ricerca secondo la quale il virus del Covid-19, partito dalla Cina, nei mesi è mutato diventando più contagioso e infettante una volta arrivato in Europa e nord America. "Ma con il tempo - prevede - perderà potenza: questo fa parte dell'evoluzione virale, più passa da uomo a uomo, più perde potenza". 

Se molti scommettono (o sperano) nell'effetto del sole prevedendo la scomparsa del virus in estate, Ciccozzi non è così ottimista: "La Spagnola del '18 ebbe un picco massimo in agosto, e la Mers si diffuse in Arabia a 40 gradi: non sarà il sole a contrastare il coronavirus, ma saremo noi che non lo alimenteremo mantenendo il distanziamento e tutte le precauzioni necessarie". Quanto al fatto che tracce di Rna virale sono state trovate nelle acque non potabili in Francia, questo non deve allarmare troppo i bagnanti: "Non ci sono evidenze né pro né contro sulla presenza di Sars-Cov-2 in mare, ma la quantità di sale molto elevata lo ostacola", dice l'esperto.  

"Quanto alla sabbia, anche in questo caso mancano i dati, come pure sui tessuti come il costume da bagno. Ora - aggiunge Ciccozzi - uno studio dello Spallanzani ci dice che il virus è presente nelle lacrime dei soggetti positivi, ebbene: evitiamo di consolare con un bacio chi piange e di scambiare fazzoletti usati". Il coronavirus cambierà (forse) anche il nostro modo di solidarizzare.