Fase 2, via libera ai funerali: "Alla cerimonia massimo 15 congiunti"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
14
Ven, Ago
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Fase 2, via libera ai funerali: "Alla cerimonia massimo 15 congiunti"

Fase 2, via libera ai funerali: "Alla cerimonia massimo 15 congiunti"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Sulle cerimonie religiose c'è stata una fitta interlocuzione con il comitato scientifico, c'è stata però un'apertura per le cerimonie funebri, però con l'esclusiva partecipazione di un massimo di 15 congiunti, possibilmente all'aperto e garantendo comunque il distanziamento sociale". 

Fase 2, via libera ai funerali: "Alla cerimonia massimo 15 congiunti"
Fase 2, verso via libera a funerali: "Alla cerimonia massimo 15 congiunti"

 

Lo ha annunciato il premier Giuseppe Conte, dicendosi "addolorato" per lo stop ai funerali in un periodo con tante perdite, ringraziando la Cei per la comprensione e il sostegno e spiegando che per tutte le altre cerimonie religiose "dobbiamo continuare a dialogare con il comitato tecnico scientifico, confido nelle prossime settimane di poter allargare" ulteriormente le maglie dei divieti.

"Sono sospese le cerimonie civili e religiose; sono consentite le cerimonie funebri con l’esclusiva partecipazione di congiunti e, comunque, fino a un massimo di quindici persone, con funzione da svolgersi preferibilmente all’aperto, indossando protezioni delle vie respiratorie e rispettando rigorosamente la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro". Ecco il passaggio del Dpcm annunciato dal premier in conferenza stampa e che ha creato - per il mancato via libera alle messe - la reazione ostile della Cei.

Nel testo viene precisato che "l’apertura dei luoghi di culto è condizionata all’adozione di misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro".

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook