L'allarme dei pediatri: "Per paura Covid bimbi con appendicite tardi in ospedale"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Lun, Gen
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

L'allarme dei pediatri: "Per paura Covid bimbi con appendicite tardi in ospedale"

L'allarme dei pediatri: "Per paura Covid bimbi con appendicite tardi in ospedale"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

di Margherita Lopes

L'allarme dei pediatri:
L'allarme dei pediatri: "Per paura Covid bimbi con appendicite tardi in ospedale"

 

"Francamente, a questo punto, più dei bimbi con Covid-19 mi preoccupano i casi non Covid. Bambini con malattie croniche o con improvvisi problemi di salute. Abbiamo già avuto piccoli pazienti arrivati all'ultimo minuto in ospedale con appendicite, che hanno seriamente rischiato la vita. E questo perché la paura del virus tiene lontano dall'ospedale. Ma questo è pericolosissimo, e dobbiamo dirlo ai genitori: gli ospedali si sono attrezzati e non si può, per paura del virus, arrivare a far rischiare la vita nel 2020 a un bambino per un'appendicite". A sottolinearlo con forza è Alberto Villani, presidente della Società italiana di pediatria (Sip) e componente del Comitato tecnico scientifico. 

"Siamo passati da un abuso del pronto soccorso, ad una vera e propria fuga per paura di Covid-19 - dice Villani all'Adnkronos Salute - e questo è sbagliato: quando una bambino ha un problema di salute deve essere visitato e deve essere curato. Sta succedendo quello che è accaduto con l'infarto in Lombardia: la paura di andare in ospedale e contrarre il virus fa arrivare in ritardo. E così si rischia la vita".  

"Più di un bimbo - aggiunge Villani, che è responsabile della Pediatria generale e malattie infettive dell'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma - è arrivato in ospedale al limite, e questo sta succedendo anche in altre regioni. Dobbiamo essere chiari: se un bambino ha un problema di salute, deve essere visitato e curato. L'ospedale, che prima della pandemia era la risposta per tutto, resta oggi un prezioso baluardo. Dobbiamo spingere ad un uso intelligente del pronto soccorso", conclude Villani. 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook