Bozza dl Rilancio: stop Iva su gel, mascherine e guanti
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
12
Dom, Lug
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Bozza dl Rilancio: stop Iva su gel, mascherine e guanti

Bozza dl Rilancio: stop Iva su gel, mascherine e guanti

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Non si pagherà più l'Iva su alcuni prodotti, indispensabili per affrontare l'emergenza covid19 e proteggersi dal virus, dai ventilatori polmonari alle mascherine.

Bozza dl Rilancio: stop Iva su gel, mascherine e guanti
Bozza dl Rilancio: stop Iva su gel, mascherine e guanti

 

E' quanto scritto nella bozza del Dl Rilancio. Questi beni "sono esenti dall’imposta sul valore aggiunto, con diritto alla detrazione dell’imposta". Nell'elenco ci sono, appunto, i ventilatori polmonari per terapia intensiva e subintensiva; i caschi per la ventilazione, le mascherine chirurgiche; mascherine Ffp2 e Ffp3; gli articoli di abbigliamento sanitari: i guanti in lattice, in vinile e in nitrile, le visiere e occhiali protettivi, la tuta di protezione, i calzari, i camici chirurgici; termometri. Lo stesso vale per i detergenti disinfettanti per mani, i dispenser a muro e tutta la strumentazione diagnostica del covid19.  

Previsti in bozza anche limiti ai rincari su mascherine e altri dispositivi di protezione individuale. "Fino al termine della cessazione dello stato di emergenza, al fine di contenere i rischi di contagio tra la popolazione favorendo il massimo accesso a taluni prodotti utili alla prevenzione e di contrastare eventuali dinamiche speculative in danno dei consumatori" i produttori di alcuni prodotti e dei dispositivi di protezione individuale delle vie respiratorie e delle mascherine chirurgiche, "sono tenuti ad indicare il prezzo massimo di vendita consigliato".  

"In caso di importazione dei dispositivi di protezione individuale di protezione delle vie respiratorie e delle mascherine chirurgiche il prezzo massimo di vendita consigliato è indicato dal soggetto importatore prevedendo un margine di ricarico sulla base di fattori fisiologici di mercato e comunque in ogni caso non superiore al 50% del costo di importazione", si legge nell'articolo della bozza. L'articolo rimanda poi agli allegati per gli importi che non possono essere superati dai rivenditori finali nella fissazione del prezzo finale di vendita. 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook