Rischio contagi da aria condizionata? Ecco come si può ridurre
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Mar, Set
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Rischio contagi da aria condizionata? Ecco come si può ridurre

Rischio contagi da aria condizionata? Ecco come si può ridurre

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Il rischio di contagio negli open space si riduce tenendo le postazioni di lavoro lontano dai terminali, i cui ventilatori devono lavorare al minimo numero di giri".

Rischio contagi da aria condizionata? Ecco come si può ridurre
Rischio contagi da aria condizionata? Ecco come si può ridurre

 

A fare il punto su un tema sempre più 'caldo', il rapporto fra aria condizionata e rischio contagio Covid-19, su cui non c'è la convergenza dei pareri di virologi ed esperti, è il sito 'MedicalFacts' fondato da Roberto Burioni. La parola sul tema è stata data a due esperti della materia.

"Innanzitutto va detto che c’è una profonda differenza tra il condizionatore domestico, conosciuto anche come split, che è quello che si acquista in un negozio di elettrodomestici, e l’impianto di condizionamento - precisano gli esperti - che oltre a riscaldare e raffrescare l’aria immette in ambiente aria esterna filtrata. Questa differenza è molto importante quando si parla di impianti e Covid-19". Secondo i tecnici, vanno evitati comunque "l'eccessivo affollamento dei locali e una potenza elevata dell'aria sollevata dagli impianti".

Dopo aver ricostruito le differenze storiche e strutturali dei vari impianti, gli esperti ricordano che "nelle abitazioni si può usare senza problema un impianto esistente senza immissione di aria esterna se non vi è alcun contagiato". Quanto agli impianti a tutta aria monozona "utilizzati in caso di unico locale da climatizzare, come nei supermercati, nei cinema e negli aeroporti, generalmente lavorano con una miscela di aria ambiente e aria esterna, ma in condizioni di emergenza si può chiudere il ricircolo e diluire al massimo l’eventuale concentrazione di virus nel locale", osservano.

Riguardo agli impianti ad aria primaria, utilizzati negli uffici e se di piccola taglia detti anche con ventilazione meccanica controllata o Vmc, "la velocità dell’aria è molto bassa dove soggiornano le persone e aumenta solamente nelle immediate vicinanze dei terminali: anche in questo caso l’eventuale sollevamento di droplet è marginale e limitato nello spazio accanto ai terminali". Ecco che la configurazione delle scrivanie lontano dai punti di uscita dell'aria è fondamentale, raccomandano.

In conclusione, gli esperti citano il caso di un ristorante di Guangzhou (in cui un commensale positivo ha infettato altre persone sedute anche a tavoli di distanza) per evidenziare che "vari fattori tecnici hanno contribuito ai contagi osservati anche a distanza: immissione d’aria esterna molto inferiore a quella prescritta dalle norme Uni; eccessivo affollamento dei locali; risollevamento del droplet dovuto all’eccessiva velocità dell’aria mossa dal condizionatore, problema tipico appunto degli impianti realizzati in Cina".

"Tutti aspetti assolutamente da evitare per limitare al minimo i rischi connessi alla fase 2 in corso e ai suoi ampliamenti nei prossimi giorni", concludono.

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook