Ue, Sandro Gozi: "Frugali prigionieri del passato"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Lun, Giu
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Ue, Sandro Gozi: "Frugali prigionieri del passato"

Ue, Sandro Gozi: "Frugali prigionieri del passato"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sul Recovery Plan si profila un "negoziato duro", ora che la posizione dei quattro Paesi frugali è sul tavolo.

Ue, Sandro Gozi:
Ue, Sandro Gozi: "Frugali prigionieri del passato"

 

Una posizione viziata da un "doppio errore", sia perché guarda alla crisi attuale con le lenti del "passato", della crisi finanziaria e del debito, sia perché presuppone che quella che l'Ue sta affrontando sia una crisi passeggera, una parentesi destinata a risolversi in un paio d'anni. A dirlo all'Adnkronos è l'eurodeputato di Renew Europe Sandro Gozi, eletto in Francia, di Italia Viva. 

"Siamo in pieno negoziato - dice Gozi - è iniziato con il paper francotedesco". Certo, i Frugali riconoscono la necessità di una risposta comune, ma, osserva, "l'idea del Recovery Fund è già passata al Consiglio Europeo, non lo considero un elemento aggiuntivo: siamo all'inizio di un negoziato duro ed è evidente che la posizione dei Frugali parte da un doppio errore. Sono prigionieri della crisi precedente e guardano indietro". 

"Inoltre - prosegue Gozi - fanno bene a definirsi frugali, perché il termine deriva da una pianta che non ha bisogno di cure particolari. E ritengono che la pianta Europa non abbia bisogno di cure particolari, mentre ha bisogno di cure straordinarie e, se le cure non arrivano, i primi a perderci sarebbero proprio i frugali".  

"L'illusione che tutto si risolva in due anni - aggiunge Gozi - che è l'impostazione di fondo di questo documento, è profondamente errata. Non chiediamo agli olandesi di diventare dei buoni samaritani, ma di pensare ai loro interessi. E il loro interesse è che il mercato unico continui a funzionare: con la loro impostazione ci sarebbero divergenze così forti che si bloccherebbe". 

"Spero - continua Gozi - che questa miopia sia tattica negoziale, perché con quell'impostazione non si fa alcun passo in avanti. La realtà europea richiede cure particolari, altrimenti l'Europa non potrà più dare i suoi frutti, che hanno garantito benessere per anni. Siamo molto lontani dal necessario". 

"Ora - prosegue - sta alla Commissione Europea: sono state messe sul tavolo due posizioni importanti, quella francotedesca e quella dei frugali. Ora sta alla Commissione esercitare il suo ruolo politico, non di ragioniere che fa la media tra le due proposte. Deve compiere una scelta politica e io auspico che la scelta politica vada nella direzione del Parlamento Europeo", che ha indicato un Recovery Fund da 2mila mld di euro. 

"Auspico - dice ancora Gozi - che la Commissione faccia una scelta di campo, tenendo conto di alcuni punti della proposta dei frugali", come per esempio il sostegno al Green Deal e al rispetto dello Stato di diritto. "Dimostri quel coraggio e quell'ambizione politica che hanno dimostrato Emmanuel Macron ed Angela Merkel", aggiunge. 

George Soros ha rilasciato un'intervista al Telegraaf, spiegando al pubblico olandese i vantaggi finanziari notevoli che avrebbe l'emissione di bond perpetui, o Consols, già proposti dalla Spagna (e giudicati positivamente da Frans Timmermans, olandese e laburista): "Ne vedo i vantaggi e personalmente la vedo come una buona soluzione - risponde Gozi - al momento mi sembra difficile che possa essere la soluzione con cui uscire dal negoziato, ma è importante alimentare il dibattito interno ai Paesi Bassi e alla Germania". 

Per l'eurodeputato, occorre far presto: "Auspico un accordo già nel Consiglio di giugno, perché credo che ormai ci siano tutte le posizioni, chiare, sul tavolo. Ora aspettiamo la Commissione: da come farà la sua proposta capiremo se c'è la possibilità di chiudere in giugno o se serviranno dei supplementari", conclude.

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook