Il virologo Caruso: "Con caldo e mascherine virus sta perdendo forza"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
11
Sab, Lug
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Il virologo Caruso: "Con caldo e mascherine virus sta perdendo forza"

Il virologo Caruso: "Con caldo e mascherine virus sta perdendo forza"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il nuovo coronavirus "sta perdendo forza", sfiancato dagli "effetti del lockdown", dal caldo - perché "la stagionalità è una caratteristica di tutti i virus respiratori" - e dalla nuova normalità che ha portato gli italiani ad adottare "la mascherina: un mezzo importante per contrastare la propagazione virale".

Il virologo Caruso:
Il virologo Caruso: "Con caldo e mascherine virus sta perdendo forza"

 

Arnaldo Caruso, presidente della Società italiana di virologia (Siv-Isv), con i colleghi del Laboratorio di Microbiologia dell'Asst Spedali Civili di Brescia del quale è direttore ha isolato una variante più buona, "estremamente meno potente", di Sars-CoV-2. Ma siccome "non sappiamo ancora se e quanto stia circolando, non è per questo che i casi di Covid-19 sono meno numerosi e meno gravi", spiega all'Adnkronos Salute.  

Su questo punto "è bene fare chiarezza", sottolinea il virologo che all'interno di un gruppo di esperti lombardi è in prima linea fin dai primi casi noti di infezione in Italia per la diagnosi molecolare e il sequenziamento genico del virus. "I ceppi che hanno circolato, con più o meno variazioni tra loro - evidenzia - sono riconducibili a quelli che hanno invaso un po' tutto il mondo. Abbiamo avuto un ceppo che è molto simile a quello di Wuhan", megalopoli cinese primo epicentro dell'epidemia, "che ha fatto tutto il disastro che abbiamo visto, ha avuto un picco di aggressività e adesso sta scemando". 

"Quello che sta succedendo, come per tutti i virus respiratori - fa notare lo specialista, ordinario di Microbiologia e Microbiologia clinica all'università degli Studi di Brescia - è imputabile a una stagionalità dell'infezione. Con l'avvio della stagione tardo primaverile-estiva" questi virus "tendono a scomparire per motivi che ancora oggi non conosciamo di preciso, come pure non sappiamo perché partono a novembre-dicembre".  

I fattori all'origine della stagionalità dei virus respiratori, quindi con ogni probabilità per Caruso anche di Sars-CoV-2, "potrebbero essere numerosi: dalla temperatura all'umidità, ai raggi ultravioletti - analizza l'esperto - o anche al fatto che forse con il caldo le nostre difese immunitarie a livello della mucosa sono più forti. Ciò non significa che i virus sono scomparsi", avverte il presidente dei virologi. "Se andiamo a cercarli qua e là ci sono ancora", ma non danno più segni di sé finché poi "ricompariranno nuovamente nella stagione invernale, quando il freddo ricomincerà a produrre il suo effetto promuovente e loro riemergeranno con un picco di stagionalità classico".  

Quindi il virus che ha travolto l'Italia, seminando morte in particolare al Nord, "adesso sta scemando in virtù della stagione che cambia - ipotizza Caruso - e aiutato innegabilmente dal lockdown che ha portato a una minore diffusione del virus stesso". Non solo: "Anche le mascherine, che io ho sempre promosso fin dall'inizio come forma di protezione di chi riceve o di chi dà virus - rivendica il numero uno della Siv-Isv - sono uno strumento importante per combattere la circolazione virale: meno virus viene a contatto con un'altra persona, minore è il rischio che questa si contagi o meno grave è la malattia che sviluppa".  

Tutto questo per dire che "sono ottimista. La curva di contagiosità è passata, l'aggressività del virus è completamente diversa da prima e perciò, pur con tutte le cautele del caso", per il virologo "possiamo affacciarci alla normalità: cominciamo a uscire, ma siamo responsabili verso noi stessi e gli altri - raccomanda Caruso - usando le mascherine e mantenendo le distanze di sicurezza". 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook