Coronavirus, Ilaria Capua: "Vaccino arriverà, ma andrà reso obbligatorio"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
11
Sab, Lug
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, Ilaria Capua: "Vaccino arriverà, ma andrà reso obbligatorio"

Coronavirus, Ilaria Capua: "Vaccino arriverà, ma andrà reso obbligatorio"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Sono convinta che il vaccino arriverà, ma c'è il rischio che lo useranno in pochi a meno che non sia reso obbligatorio con quello dell'influenza".

Coronavirus, Ilaria Capua:
Coronavirus, Ilaria Capua: "Vaccino arriverà, ma andrà reso obbligatorio"

 

Lo ha detto Ilaria Capua, direttrice del One Health Center of Excellence, University of Florida (Usa), nel corso del webinar live 'Il cammino della scienza e gli impatti per l'umanità' organizzato da The European House - Ambrosetti'. 

"Il vaccino arriverà - è convinta Capua - magari fra due anni, ma se abbiamo trovato la cura per l'Hiv, un virus difficile, sono convinta che il potenziale c'è: vaccini contro altri coronavirus che funzionano e sono immunogeni su modello animale ce ne sono e gli animali si comportano nello stesso modo. Bisogna metterci i fondi", ha sottolineato.  

La virologa ha osservato poi "quello degli animali potrebbe essere un vero pasticcio: alcuni recettori sono uguali e il numero degli animali che si stanno infettando sta iniziando ad aumentare. C'è l'esempio dei 4 allevamenti di visoni in Danimarca. Se il Sars-Cov-2 entra nei circuiti degli allevamenti o si diffonde fra gli animali anche domestici, si creerebbe un pericoloso 'travaso'".  

Capua ha parlato dell'infezione a 360° affrontando anche altre tematiche ed evidenziando "qualche certezza rispetto a quello che sappiamo del virus, perché molti si divertono a dire 'ancora non lo sappiamo'. Quello che è certo è che nell'uomo l'età è un fattore di rischio, che il virus non risparmia però i giovani, che gli assembramenti sono il pericolo principale, insieme agli spostamenti. Questa pare sia una malattia delle città, e una malattia dei movimenti, e noi dobbiamo ridisegnare un futuro altrimenti ci troveremo come ora nella prossima pandemia".  

"Io però - ha aggiunto - sono ottimista e penso che dietro le nuvole ci sia sempre il sole: bisogna usare Covid per fare ciò che nessuno vuole fare. Covid ci dice: è ora che vi mettete a lavorare insieme. Un esempio su tutti: in questo periodo di chiusura, l'inquinamento si è ridotto e sembrava qualcosa di impossibile". 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook