Coronavirus, ad Takis: "A ottobre test vaccino su circa 80 persone"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
30
Mer, Set
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, ad Takis: "A ottobre test vaccino su circa 80 persone"

Coronavirus, ad Takis: "A ottobre test vaccino su circa 80 persone"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"L'accordo con Rottapharm Biotech ci dà un po' di benzina per pianificare gli studi sul nostro vaccino e fare le cose con più tranquillità.

Coronavirus, ad Takis:
Coronavirus, ad Takis: "A ottobre test vaccino su circa 80 persone"

 

Stiamo disegnando lo studio di fase 1-2, che partirà a ottobre e coinvolgerà all'inizio un'ottantina di persone". A spiegarlo all'Adnkronos Salute è Luigi Aurisicchio, amministratore delegato e direttore scientifico di Takis, commentando l'intesa per lo sviluppo del vaccino ideato dall'azienda di Castel Romano contro l’infezione da Sars-Cov-2, denominato Covid-eVax. 

"Abbiamo selezionato fra i due candidati vaccini" rimasti in gioco rispetto al quintetto originale "quello che ci appare il migliore: gli studi fatti fino ad ora hanno dimostrato che induce una risposta anticorpale e la induce anche nei polmoni. Stiamo disegnando lo studio sull'uomo con il gruppo di Paolo Ascierto", oncologo del Pascale di Napoli, "e poi avvieremo lo studio sull'uomo che sarà di fase 1-2. In questo trial - racconta Aurisicchio - cercheremo di capire se adottare un'unica somministrazione o abbinare anche un 'boost' a distanza di un mese". In particolare "nella prima fase, più breve e che coinvolgerà come detto un'ottantina di persone, indagheremo sulla dose migliore e cercheremo di capire se adottare un approccio a una sola dose o con un boost, poi la sperimentazione si allargherà a centinaia di soggetti". Se tutto andrà secondo i piani "potremo avere il vaccino a metà 2021", conclude Aurisicchio.

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook