Coronavirus, lo studio: "Con mascherine evitati oltre 78mila casi in Italia"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
09
Dom, Ago
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, lo studio: "Con mascherine evitati oltre 78mila casi in Italia"

Coronavirus, lo studio: "Con mascherine evitati oltre 78mila casi in Italia"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Che peso ha 'l'obbligo di mascherina' nella lotta al coronavirus Sars-CoV-2? Secondo uno studio pubblicato sulla rivista scientifica 'Pnas', parecchio.

Coronavirus, lo studio:
Coronavirus, lo studio: "Con mascherine evitati oltre 78mila casi in Italia"

 

E a dimostrarlo è proprio il caso Italia, uno di quelli presi in considerazione dagli autori del lavoro, scienziati di diverse istituzioni Usa: "Questa sola misura di protezione ha ridotto significativamente - cioè di oltre 78mila - il numero di infezioni" nel Belpaese "dal 6 aprile al 9 maggio", hanno calcolato gli esperti. Tendenza confermata anche dall'esperienza di New York City, dove sono stati evitati oltre 66mila casi dal 17 aprile al 9 maggio grazie all'uso delle mascherine.  

L''effetto scudo' fotografato dimostra anche che "la trasmissione aerea" di Covid-19 "è altamente virulenta e rappresenta la via dominante per diffondere la malattia", evidenziano gli scienziati di Texas A&M University, University of Texas a Austin, California Institute of Technology e University of California San Diego. Per combattere la pandemia di nuovo coronavirus sono state adottate varie misure, tra cui il distanziamento sociale e la copertura delle vie aeree, di naso e bocca, con le mascherine appunto.  

L'analisi dei trend epidemici e degli effetti delle misure di mitigazione adottate a Wuhan in Cina, la prima metropoli a fare i conti con il nuovo coronavirus, in Italia e a New York City, dal 23 gennaio al 9 maggio 2020, ha permesso agli autori - Renyi Zhang, Yixin Li, Annie L. Zhang, Yuan Wang, e Mario J. Molina - di rilevare che "la differenza con e senza mascherina obbligatoria rappresenta il fattore determinante nel modellare le tendenze pandemiche nei tre epicentri". Altre misure, come il distanziamento sociale, da sole "sono insufficienti a proteggere" la popolazione.  

Conclusione: "Indossare le mascherine in pubblico - dicono gli autori dello studio - corrisponde al mezzo più efficace per prevenire la trasmissione interumana" di Sars-CoV-2, "e questa pratica non costosa, in combinazione con il distanziamento sociale simultaneo, la quarantena e il tracciamento dei contatti, rappresenta la via probabilmente più efficace per fermare Covid-19". Con buona pace dei 'no-mask'. 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook