Fmi: "Quasi 100 milioni di lavoratori a rischio"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
27
Ven, Nov
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Fmi: "Quasi 100 milioni di lavoratori a rischio"

Fmi: "Quasi 100 milioni di lavoratori a rischio"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il lockdown per contrastare il Covid potrebbe mettere a rischio quasi 100 milioni di posti di lavoro a livello globale e rappresentare il de profundis per alcuni servizi legati alla vendita al dettaglio o al turismo.

Fmi:
Fmi: "Quasi 100 milioni di lavoratori a rischio"

 

E' quanto emerge da un paper del Fmi. Secondo le stime del Fondo "oltre 97,3 milioni di lavoratori, pari a circa il 15% della forza lavoro sono ad alto rischio licenziamento o mancato rinnovo nei 35 Paesi avanzati ed emergenti" esaminati nel paper.  

E questo perché "i blocchi imposti in tutto il mondo per contenere il contagio stanno avendo un impatto diversificato sull'attività economica e sui posti di lavoro", avvantaggiando i lavori che possono essere svolti a remoto rispetto a quelli che richiedono l'interazione faccia a faccia, si legge nel paper. 

Per gli autori dello studio infatti il lavoratore 'smart' in genere tende ad avere un identikit preciso: giovane, non laureato, con contratti precari il che suggerisce che la crisi del coronavirus "potrebbe esacerbare le disuguaglianze," visto che l'eterogeneità tra Paesi nelle capacità a lavorare da remoto riflettono il differenziale di accesso alla tecnologia. Da qui la necessità che la politica tenga "conto di queste valutazioni demografiche e distributive sia durante la crisi che dopo". 

D'altra parte "l'evidenza delle crisi del passato suggerisce che le perdite di posti di lavoro durante recessioni gravi possono avere effetti prolungati e negativi su salari e sicurezza lavorativa". L'impatto del Covid di conseguenza ridisegnerà l'offerta dei servizi. 

"Il  cambiamento delle preferenze dei consumatori che si affidano maggiormente all'e-commerce e hanno modificato le preferenze per  beni e servizi potrebbe anche avere un significativo impatto futuro sulle prospettive occupazionali e sul modo in cui viene svolto il lavoro" e questo perché "una quota significativa di domanda per servizi al dettaglio, turismo, ristorazione e servizi personali ai quali si è rinunciato durante la crisi potrebbero non tornare mai più", conclude il Paper.  

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook