Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
06
Sab, Mar

Covid, "con distanziamento e mascherine evitabile seconda ondata"

Covid, "con distanziamento e mascherine evitabile seconda ondata"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

di Margherita Lopes 

Covid,
Covid, "con distanziamento e mascherine evitabile seconda ondata"

 

La tanto temuta seconda ondata di Covid-19 potrebbe essere evitata se si mantiene il distanziamento sociale, l'uso delle mascherine e l'igiene delle mani. Queste misure, dunque, potrebbero eliminare la necessità di futuri lockdown, secondo lo studio di modellistica condotto dall'Istituto di Barcellona per la salute globale (ISGlobal). I risultati, pubblicati su 'Nature Human Behaviour', mostrano anche che, nei Paesi che non hanno ancora raggiunto il picco dei casi, i lockdown devono rimanere in vigore per almeno 60 giorni e la ripresa delle attività deve essere graduale per ridurre il rischio di seconde ondate. 

"Il problema è che valutare" il rischio di seconde ondate "è difficile, data la mancanza di informazioni affidabili sul numero effettivo di persone infette o sull'entità dell'immunità sviluppata tra la popolazione", spiega Xavier Rodó, capo del programma Clima e salute di ISGlobal. In questo studio, il team di Rodó presenta delle proiezioni basate su un modello che divide la popolazione in sette gruppi: suscettibile, in quarantena, esposto, infettivo non rilevato, segnalato infettivo e confinato, guarito e deceduto. Consente inoltre di simulare sia il grado di confinamento della popolazione sia le diverse strategie post-lockdown. 

"Questo modello può essere particolarmente utile per i Paesi in cui il picco dei casi non è stato ancora raggiunto, come quelli nell'emisfero meridionale. Consentirebbe di valutare le politiche di controllo e ridurre al minimo il numero di casi e decessi causati dal virus", spiega il coautore Leonardo López. 

L'uso di mascherine, igiene delle mani e misure di distanziamento hanno già dimostrato benefici. "Se riusciamo a ridurre la velocità di trasmissione del 30% attraverso l'uso di mascherine, igiene delle mani e distanziamento sociale, possiamo limitare considerevolmente l'entità dell'onda successiva. Mentre ridurre la velocità di trasmissione del 50% potrebbe evitarla del tutto", afferma Rodó. I risultati mostrano che, anche nei Paesi che non dispongono delle risorse per testare e rintracciare tutti i casi e i contatti, le misure sopra menzionate sono cruciali per fermare la trasmissione virale.

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002

Seguici anche su Facebook

FB Telecomunicazioni - il Centro Tirreno

Feed non trovato