Covid, "a Cesena focolaio circoscritto, ma comunità straniera ci aiuti"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
10
Ven, Lug
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Covid, "a Cesena focolaio circoscritto, ma comunità straniera ci aiuti"

Covid, "a Cesena focolaio circoscritto, ma comunità straniera ci aiuti"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

di Paola Benedetta Manca 

Covid,
Covid, "a Cesena focolaio circoscritto, ma comunità straniera ci aiuti"

 

"Dobbiamo tenere alta l'attenzione e, a maggior ragione, riguardo le persone provenienti da Paesi in cui il virus è in circolazione e in una fase diversa rispetto all'Italia, occorre poi la massima collaborazione, da parte di chi arriva da Paesi extra Ue, perché comunichino la loro presenza alle Asl e facciano la quarantena richiesta. Chiediamo aiuto, per individuare questi arrivi, anche alle comunità straniere". Così all'AdnKronos il sindaco di Cesena, Enzo Lattuca, che è riuscito, insieme all'Ausl della Romagna, a individuare subito, nella sua città, un piccolo focolaio di Covid-19, che ha colpito una famiglia bengalese, proprio grazie "alla segnalazione di un commerciante della comunità del Bangladesh che ha saputo di alcuni arrivi dei suoi connazionali, con un volo che è atterrato a Fiumicino". 

L'uomo - che, tra l'altro, non più di due settimane prima aveva perso un cugino, colpito dal Covid in Bangladesh - si è allarmato, vedendo che la famiglia appena arrivata dal Bangladesh non rispettava la quarantena imposta dall'Italia a chi viene da Paesi extra Ue, e ha contattato il sindaco, aiutandolo anche a recuperare, tramite un sito internet, l'elenco dei passeggeri dei voli atterrati a Fiumicino, dove è stato individuato un altro focolaio. A quel punto è intervenuta la Ausl. Il focolaio è stato subito circoscritto sulla base delle relazioni familiari, amicali e del luogo di lavoro. Uno dei figli dei coniugi bengalesi, infatti, lavorava in un centro commerciale a Pinarella (Ravenna), dove si è recato. Anche lì sono stati individuati alcuni casi. "Il focolaio è stato circoscritto e isolato in modo efficace – rassicura Lattuca – ma l'allerta deve rimanere altissima".  

"Lasciare al singolo la responsabilità di mettersi in quarantena al ritorno dall'estero si sta rivelando problematico – ragiona il sindaco -. Tutte le persone ora in quarantena sono state segnalate alle forze dell'ordine che, tra l'altro, possono così verificare che la rispettino". Per non rischiare – spiega il sindaco – "la Ausl, insieme alla polizia locale, si sono organizzate con un presidio davanti all'abitazione della famiglia contagiata: una volta al giorno vanno a controllare se sono a casa". 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook