Pregliasco: "No a tintarella con mascherina ma buonsenso in spiaggia"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
08
Sab, Ago
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Pregliasco: "No a tintarella con mascherina ma buonsenso in spiaggia"

Pregliasco: "No a tintarella con mascherina ma buonsenso in spiaggia"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Ho visto situazioni di buonsenso e altre di eccessivo lassismo nelle spiagge italiane".

Pregliasco:
Pregliasco: "No a tintarella con mascherina ma buonsenso in spiaggia"

 

Ad affermarlo all'Adnkronos Salute è il virologo dell'Università di Milano Fabrizio Pregliasco, che nell'estate italiana della fase 3 della pandemia di Covid-19 invita a fare attenzione, senza eccessivi allarmismi. "Non possiamo certo inaugurare la tintarella con la mascherina - precisa l'esperto - ma possiamo fare attenzione a igiene e distanziamento". Sul lettino, in acqua o mentre si passeggia sul bagnasciuga non serve la mascherina, ma "portiamola con noi quando ci spostiamo e indossiamola quando andiamo al bar, al bagno o al ristorante. Inoltre ricordiamo di lavare le mani spesso", raccomanda Pregliasco. "E manteniamo il distanziamento. Si tratta di misure semplici e di buonsenso". 

"I numeri di oggi e la notizia di tanti piccoli focolai in Italia preoccupano un po', ma si tratta di una situazione di grande attenzione, non di pericolo. E non abbiamo a che fare con una seconda ondata. Il fatto è che il virus, seppur in modo limitato, continua a circolare ed è fondamentale intercettare e spegnere subito i focolai, mantenendo alta la guardia sui casi importati dall'estero". Il virologo Pregliasco sottolinea, inoltre, l'importanza "di migliorare la nostra capacità di tracciamento e mantenere alta l'attazione, senza però esagerare con gli allarmi". 

"I focolai e i casi importati - aggiunge il virologo - in questa fase sono attesi. Dobbiamo tener presente che il virus c'è ancora e mantenere le distanze. Poi, certo, vedere comportamenti irresponsabili come quello di Vicenza, il cui protagonista ha fatto male a se stesso e anche agli altri, non fa piacere", continua il virologo. "Capisco la voglia di buttarsi alle spalle i mesi di lockdown e di ricominciare dopo un periodo devastante, ma ricordiamo che la guerra non è ancora vinta". Bisogna anche dire che "nelle strade, e anche nelle spiagge, ho visto situazioni di buonsenso e altre di eccessivo lassismo. L'auspicio è che le prime prevalgano", per tagliare le gambe alla circolazione di Sars-Cov-2, conclude Pregliasco. 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook