Coronavirus, Burioni: "Isolare malati non basta"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Gio, Nov
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, Burioni: "Isolare malati non basta"

Coronavirus, Burioni: "Isolare malati non basta"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Un nuovo studio ha calcolato che, per contenere i focolai, bisogna identificare un terzo dei contagiosi senza sintomi.

Coronavirus, Burioni:
Coronavirus, Burioni: "Isolare malati non basta"

 

"Partendo da questo dato di fatto, il controllare l'epidemia semplicemente isolando i malati è una strategia perdente in partenza. Per questo è fondamentale, una volta identificato un positivo a Covid-19, impegnarsi nel tracciamento dei suoi contatti dei giorni precedenti, in modo da potere identificare (e isolare) eventuali contagiati che sono positivi (e a loro volta contagiosi) senza saperlo". Lo sottolinea il virologo Roberto Burioni in un articolo pubblicato su 'MedicalFacts', il sito di informazione e divulgazione scientifica da lui fondato. 

"Tuttavia - prosegue - possiamo vedere anche i dati da un punto di vista opposto: se è vero che metà dei contagi arriva da 'infezioni silenti', l'altra metà dei contagi parte da persone che stanno male e hanno sintomi. Diventa dunque molto importante che chi sta male non commetta imprudenze e stia a casa. Il recente caso dell'imprenditore veneto che, nonostante la febbre, non si è isolato partecipando a eventi sociali è stato esemplificativo in questo senso". 

"Io capisco benissimo che è difficile chiedere di rinunciare al lavoro a chi non può mandare un certificato medico e avere la giornata pagata - evidenzia Burioni - però in questo momento è molto importante agire tenendo in mente l'interesse superiore che conviene a tutti: che l'infezione non riparta e che piano piano si possa tornare a una vita il più possibile normale, giusto con qualche precauzione in più", conclude il virologo.  

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook