Bassetti: "Proroga a dicembre? Italia non è in emergenza"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
10
Lun, Ago
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Bassetti: "Proroga a dicembre? Italia non è in emergenza"

Bassetti: "Proroga a dicembre? Italia non è in emergenza"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Io non vedo una situazione così incontrollata dal punto di vista del sistema sanitario.

Bassetti:
Bassetti: "Proroga a dicembre? Italia non è in emergenza"

 

Mi pare che gli ospedali si stiano svuotando, ci sono poco meno di 60 persone in terapia intensiva in Italia e su 60 milioni di abitanti abbiamo circa 700 persone in ospedale e che a breve immagino verranno dimesse. Se ragioniamo su questi numeri l'Italia non è in emergenza come era a febbraio o marzo. Le decisioni sono politiche e le accettiamo. Forse però l'emergenza andrebbe prorogata di mese in mese". A parlare all'Adnkronos Salute è Matteo Bassetti, direttore della Clinica Malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova e presidente della Società italiana di terapia antinfettiva (Sita) 

"Prolungando lo stato di emergenza fino a dicembre, l'immagine che diamo all'estero dell'Italia non è bella. Così sembra che siamo tornati alla situazione di febbraio-marzo mentre invece bisognerebbe dire che abbiamo fatto un lavoro d'eccezione - precisa Bassetti - Abbiamo ridotto significativamente la mortalità dei nostri malati curandoli meglio grazie ai nostri protocolli di trattamento, dimettendone moltissimi ogni giorno e facendo il tracciamento con milioni di tamponi a nuove persone positive per isolarle ed evitare nuovi contagi. E invece - conclude l'infettivologo - i media e la comunicazione istituzionale continuano a dare messaggi sbagliati e ci sia molto da fare".  

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook