Capua: "Virus non ha ali lo portiamo noi"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
08
Sab, Ago
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Capua: "Virus non ha ali lo portiamo noi"

Capua: "Virus non ha ali lo portiamo noi"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Il virus non ha le ali, si comporta da virus e la pandemia quindi la portiamo noi perché si diffonde con le persone che lo trasportato da altri Paesi e continenti.

Capua:
Capua: "Virus non ha ali lo portiamo noi"

 

Quindi la seconda ondata la facciamo noi e dobbiamo essere consapevoli che soltanto attraverso le nostre azioni riusciremo ad avere la meglio. Non ci dimentichiamo che questo virus ha circolato in Italia sotto traccia già da metà dicembre senza dare grossi fastidi fino metà febbraio, quindi è possibile confinarlo in uno spazio dove non fa danni". Lo ha sottolineato la virologa Ilaria Capua, responsabile negli Usa dell'One Health Center of Excellence della University of Florida, ospite di 'SkyTg24'.  

"E' chiaro a tutti che il virus non andrà via e rimarrà con noi per un po' di tempo - ha aggiunto la scienziata - Abbiamo imparato a gestirlo e a riconoscerlo. Era un nemico sconosciuto fino a sei mesi fa ma ora lo conosciamo meglio. Ci ha fatto vedere la sua faccia peggiore e quindi dobbiamo evitare di ricadere negli stessi errori. Sono ottimista - ha precisato - sono in Italia da qualche settimana e vedo sensibilità e attenzione delle persone rispetto al fatto che il problema va risolto e non aggravato. Perché non ci dimentichiamo che non abbiamo azzerato la curva l'abbiamo appiattita, ovvero il virus circola anche se meno di prima".  

Sulla pericolosità dei nuovi focolai, Capua spiega che "se sono asintomatici sono una indicazione di quello che sta accadendo, quello che ci deve preoccupare, se proprio ci vogliamo allarmare, sono i dati dei ricoveri in terapia intensiva. Ma sono calati perché abbiamo capito come si può combattere".  

Quanto alle "cose che vedo negli Stati Uniti o in altri Paesi non sono assolutamente paragonabili con i livelli di reattività e di intervento che ci sono stati in Italia. Nessun Paese era preparato a questa pandemia e si è visto. L’Italia, che è stata uno dei primi Paesi colpiti dalla pandemia, con la Lombardia, che è stata colpita in maniera così drammatica, è riuscita a gestire una situazione complicatissima con un’efficienza degna di un Paese come il nostro", ha sottolineato l'esperta. 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook