Coronavirus, "un giovane su 3 può avere forme gravi": lo studio Usa
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
04
Ven, Dic
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, "un giovane su 3 può avere forme gravi": lo studio Usa

Coronavirus, "un giovane su 3 può avere forme gravi": lo studio Usa

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Un giovane su 3 può ammalarsi di Covid-19 in forma grave.

Coronavirus,
Coronavirus, "un giovane su 3 può avere forme gravi": lo studio Usa

 

E' quanto suggerisce uno studio dell'University of California di San Francisco (Ucsf), nel quale gli autori hanno esaminato un campione rappresentativo a livello nazionale degli States di circa 8.400 ragazzi e ragazze dai 18 ai 25 anni d'età. Il lavoro, pubblicato sul 'Journal of Adolescent Health', conclude che la 'vulnerabilità medica' complessiva fra i giovani è del 33% per i maschi e del 30% per le femmine.  

Il nuovo studio è stato condotto per approfondire una dinamica dell'epidemia in corso negli Usa. Il numero di giovani infettati dal coronavirus Sars-CoV-2 è infatti in aumento in tutta la nazione, spiegano gli autori del lavoro, ricercatori del Benioff Children's Hospitals (Ucsf), che avvertono: l'essere giovani potrebbe non proteggere a 360 gradi dal rischio di incorrere nella malattia in forma grave. 

Fermo restando che i pazienti over 65 hanno una probabilità di essere ricoverati in ospedale significativamente più alta rispetto ai giovani, dati dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc), non inclusi nello studio, evidenziano - confrontando la settimana del 21-27 giugno con quella del 12-18 aprile - un aumento del 299% dei ricoveri per i giovani adulti, rispetto a un aumento del 139% dei ricoveri per gli anziani. Il team guidato dalla prima autrice Sally Adams, ha determinato la vulnerabilità dei ragazzi facendo riferimento a indicatori identificati dai Cdc: condizioni cardiache, diabete, asma, patologie autoimmuni come lupus o artrite reumatoide, condizioni epatiche, obesità e fumo nei 30 giorni precedenti. Fra le altre cose è emerso che l'impatto del fumo ha superato altri rischi meno comuni, riferiscono gli autori.  

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook