Covid, "gene chiave per vaccino scoperto in anticorpi umani"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
10
Lun, Ago
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Covid, "gene chiave per vaccino scoperto in anticorpi umani"

Covid, "gene chiave per vaccino scoperto in anticorpi umani"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Si chiama Ighv3-53 ed è un gene chiave utilizzato dagli anticorpi umani anti Covid-19 per colpire 'al cuore' la proteina Spike di Sars-Cov-2, l''arpione' usato dal virus per attaccare le cellule bersaglio.

Covid,
Covid, "gene chiave per vaccino scoperto in anticorpi umani"

 

Lo ha scoperto un team di ricercatori americani, analizzando circa 300 anticorpi umani mirati contro il nuovo coronavirus. Il lavoro, pubblicato su 'Science', secondo gli autori aiuterà la messa a punto di vaccini efficaci.  

Durante l'emergenza pandemica Covid-19, numerosi candidati vaccini sono già arrivati alla sperimentazione clinica sull'uomo. Tuttavia, restano ancora in via di definizione le caratteristiche molecolari che contribuiscono alla risposta anticorpale più sostenuta. Per legarsi al suo bersaglio, ossia il recettore Ace2 delle cellule umane, la proteina Spike del coronavirus Sars-CoV-2 utilizza un'area particolare detta Rbd (dominio legante il recettore). Per questo gli anticorpi in grado di colpire Rbd e di bloccare il legame virus-cellula sono i più efficaci. 

Il gruppo guidato da Yuan Meng dello Scripps Research Institute di La Jolla, California, ha innanzitutto compilato una lista di 294 anticorpi anti-Rbd. Successivamente, esaminandoli, ha scoperto che un gene della famiglia Ighv - denominato appunto Ighv3-53 - è quello usato più frequentemente per colpire l'Rbd della proteina Spike. Gli studiosi hanno inoltre osservato che gli anticorpi Ighv3-53 presentano bassi tassi di mutazione e inibiscono in modo potente il nuovo coronavirus.  

Analizzando le strutture cristalline di due anticorpi Ighv3-53 legati all'Rbd virale, gli scienziati Usa hanno fotografato le caratteristiche che permettono un'unione tanto efficiente fra anticorpo e Sars-CoV-2, e che per questo potrebbero risultare utili alla progettazione dei candidati vaccini anti-Covid più promettenti. Gli autori confidano che i nuovi dati possano facilitare la progettazione di antigeni vaccinali capaci di indurre le difese immunitarie a produrre anticorpi neutralizzanti contro il patogeno pandemico. 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook