Covid, con pandemia infezioni sessuali in calo
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
27
Ven, Nov
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Covid, con pandemia infezioni sessuali in calo

Covid, con pandemia infezioni sessuali in calo

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sesso ai tempi di Covid-19. L'emergenza sanitaria da nuovo coronavirus ha influenzato in modo significativo l’epidemiologia delle malattie a trasmissione sessuale (Mst) in Italia, e in particolare della sifilide.

Covid, con pandemia infezioni sessuali in calo
Covid, con pandemia infezioni sessuali in calo

 

A dimostrarlo è un lavoro osservazionale appena pubblicato su 'Sexually Trasmitted Infections' dal gruppo del Centro Mst/Hiv dell’Istituto San Gallicano (Irccs), diretto da Alessandra Latini. "Dall'inizio del lockdown - spiega Latini - abbiamo osservato una drastica riduzione delle diagnosi di infezioni a trasmissione sessuale, in particolare proprio della sifilide". E i ricercatori non escludono che la paura di Sars-cov-2 abbia giocato un ruolo, riducendo i rapporti. 

Il dato è in netto contrasto con il trend di aumento del numero di casi di sifilide registrato negli ultimi due anni, soprattutto nel periodo immediatamente precedente all'isolamento, e in particolare tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini e le persone che vivono con l'Hiv. "I servizi di prevenzione, diagnosi e cura delle malattie infettive a trasmissione sessuale, rimangono sempre aperti, gratuiti e 'in sicurezza' - sottolinea Aldo Morrone, direttore scientifico del San Gallicano - per garantire la continuità assistenziale a questa tipologia di pazienti fragili".  

Ma guardiamo i numeri. Tra il 1 gennaio e il 9 marzo 2020, nel Centro di Mst del San Gallicano sono stati diagnosticati 68 nuovi casi di sifilide, mentre nel primo trimestre del 2019 il numero di diagnosi di sifilide è stato di 25. Rispetto al primo trimestre dello scorso anno, nel primo trimestre 2020 le diagnosi di sifilide sono raddoppiate nelle persone che vivono con l'Hiv, e addirittura quadruplicate tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini. "Si è trattato - evidenzia Alessandra Latini - di un risultato coerente con le tendenze epidemiologiche evidenziate dalla letteratura, che segnalavano un aumento dell’infezione negli ultimi anni". "Tuttavia - sottolinea Antonio Cristaudo, direttore della Unità di Dermatologia Clinica - tutte le diagnosi relative al mese di marzo sono state effettuate prima del lockdown, e nessun caso è stato più osservato dopo il 9 marzo. E’ probabile che la paura di infezione da Sars-CoV-2 abbia ridotto i rapporti sessuali, conducendo a un vero e proprio declino delle infezioni ad essi correlati". 

Non si può escludere però, aggiungono i ricercatori, che i pazienti abbiano rinviato le visite a causa dei timori legati all’accesso in ospedale durante la pandemia, e che sia anche questa la causa di diminuzione di diagnosi, come è accaduto per altre patologie. "E’ indispensabile - conclude Latini - incoraggiare i pazienti a cercare assistenza nei casi in cui sospettino una malattia a trasmissione sessuale. Il nostro Centro non ha mai sospeso le attività". 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook