Gallera: "Su zona rossa abbiamo fatto di tutto per convincerli"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
08
Sab, Ago
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Gallera: "Su zona rossa abbiamo fatto di tutto per convincerli"

Gallera: "Su zona rossa abbiamo fatto di tutto per convincerli"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

L'assessore al Welfare della Lombardia, Giulio Gallera, torna sull'audio di quell'incontro del 4 marzo con il ministro della Salute, Roberto Speranza, pubblicato ieri dal Corriere della Sera e in un'intervista allo stesso quotidiano spiega che la Regione "era l'unica a spingere per la zona rossa" in quei giorni. E in particolare per Nembro e Alzano Lombardo.

Gallera:
Gallera: "Su zona rossa abbiamo fatto di tutto per convincerli"

 

"Il 5 marzo - dice - gli stessi sindaci della bergamasca invocano misure diverse dalla zona rossa. Altri governatori come Zaia e Bonaccini erano contrari. A Roma non l’hanno decisa. Credo che Regione Lombardia sia stata l’unica a spingere per quella soluzione. Non avevamo paura di quella responsabilità". Alla domanda se non fosse stato meglio 'forzare' quella decisione, "abbiamo fatto di tutto per convincerli. Poi - aggiunge - visto il dilagare dello tsunami, non so se quei due giorni di anticipo sul lockdown del Paese avrebbero cambiato le cose. Però in questi casi la tempestività è tutto".

E ancora: "Cosa dovevamo fare? Urlare o mettergli le mani addosso?". Nei primi giorni di marzo, Speranza era stato chiamato apposta, con urgenza, a Milano. "Vista la gravità del momento ci rendiamo conto che non sarebbe bastato un confronto telefonico con il Governo. Non abbiamo mandato una mail. Abbiamo pregato Speranza di correre qui a Milano. (...) Credo che il lockdown del Paese sia nato grazie a quella riunione", aggiunge ancora Gallera.

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook