Coronavirus, igienista Signorelli: "Situazione seria, ondata in città metropolitane"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Gio, Ott
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, igienista Signorelli: "Situazione seria, ondata in città metropolitane"

Coronavirus, igienista Signorelli: "Situazione seria, ondata in città metropolitane"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"I numeri di oggi, con più di 8.800 nuovi casi, indicano che la situazione è seria. Questa seconda ondata si può definire l'epidemia delle grandi città metropolitane: Milano, ma anche Roma, Napoli e Bari stanno registrando un aumento dei casi".

Coronavirus, igienista Signorelli:
Coronavirus, igienista Signorelli: "Situazione seria, ondata in città metropolitane"

 

A dirlo all'Adnkronos Salute è Carlo Signorelli, ordinario di Igiene dell'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, a proposito dell'emergenza coronavirus. "Il dato positivo è che l'età media di questi soggetti è giovane, e ciò riduce il rischio di effetti gravi. Penso però che se non si farà nulla - aggiunge l'esperto - la curva crescerà, mentre se si interviene con misure più restrittive in 2 settimane la curva scende. Ma questa è una decisione politica".  

Ma come intervenire? "I contagi sembrano correre nei locali, bar e ristoranti, dunque un intervento mirato potrebbe essere utile. Nelle ore di apertura, poi, vanno usate le mascherine e rispettate le distanze, e devono esserci più controlli.  

"Domani c'è una riunione del Cts della Lombardia, e probabilmente arriverà un parere in materia - aggiunge Signorelli - Poi ci sono i contagi domestici: ebbene, in casa è come fuori. Dobbiamo rispettare l'igiene, il distanziamento, ed evitare gli assembramenti. Inoltre segnalo che in casa le situazioni più a rischio sono 5: condividere il letto, scambiare il telefono, le posate e i bicchieri o condividere gli oggetti del bagno e infine gli ascensori", dice l'esperto. 

Signorelli fa parte del gruppo di 80 scienziati autori di una lettera pubblicata sul 'Lancet' e presentata al 16esimo 'World Congress on Public Health 2020' in cui si spiega che puntare sull'immunità di gregge per pensare di gestire la pandemia da Sars-CoV-2 "è un pericoloso errore non supportato da prove scientifiche". Quanto alla questione degli assembramenti sui mezzi pubblici, "diciamo da tempo che il riempimento all'80% è un po' troppo", conclude Signorelli. 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook