Dpcm, 26 ottobre, protesta a Napoli contro le chiusure
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Gio, Nov
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Dpcm, 26 ottobre, protesta a Napoli contro le chiusure

Dpcm, 26 ottobre, protesta a Napoli contro le chiusure

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La manifestazione di piazza Plebiscito è diventata un sit in con comizio improvvisato sotto la sede della regione Campania, raggiunto al termine di un corteo.

Dpcm, 26 ottobre, protesta a Napoli contro le chiusure
Dpcm, 26 ottobre, protesta a Napoli contro le chiusure

 

A intervenire vari rappresentanti di settori e categorie, colpiti dalle chiusure e dalle restrizioni anti-Covid, previste dall'ultimo Dpcm e dalle recenti ordinanze nella Regione Campania. I manifestanti, oltre un migliaio, sono concentrati nell'area pedonale di via Raffaele de Cesare, una delle strade su cui affaccia Palazzo Santa Lucia, sede della regione Campania, presidiata da entrambi i lati dalle forze dell'ordine. In piazza rappresentanti del settore della ristorazione, barman, ma anche del mondo dell'animazione e intrattenimento, precari dello spettacolo, piccoli artigiani. 'Ribellati al Dpcm', 'De Luca dimettiti', 'Sono un lavoratore a nero, esisto anche io' recitano alcuni cartelli. La manifestazione è pacifica e al momento non si registrano tensioni. La piazza è presidiata dalle forze dell'ordine. 

Sulle transenne del cantiere della metropolitana in piazza sono stati affissi diversi striscioni: 'La salute è la prima cosa, ma senza soldi non si cantano messe', 'Tu ci chiudi tu ci paghi', 'Per gestire l'emergenza subito reddito per tutte/i' e uno striscione a firma 'Ristoratori esauriti'.  

Presenti anche alcuni attivisti di Potere al Popolo, travestiti da fantasmi con lenzuola bianche a simboleggiare "i lavoratori invisibili che ogni giorno lavorano per portarci la pizza, che cucinano nei nostri ristoranti, e che sono i primi invisibili della pandemia, le persone senza tutele".  

C'era anche l'ex generale Antonio Pappalardo, animatore del movimento dei cosiddetti 'gilet arancioni'. Le varie categorie hanno occupato diverse zone della grande piazza, manifestando il proprio dissenso: i barman stanno agitando degli shaker, mentre alcuni ristoratori hanno esposto uno striscione con forchetta e coltello.  

A stemperare la tensione c'è stato anche un gesto distensivo. Una delegazione di lavoratori dell'animazione e dello spettacolo si è avvicinata ai poliziotti in assetto antisommossa schierati sotto Palazzo Santa Lucia, sede della Regione Campania, applaudendo le forze dell'ordine. Una manifestante ha anche dato un palloncino colorato a un poliziotto, che lo ha preso sorridendo. Parte del corteo che ha raggiunto via Santa Lucia ha cantato alcune canzoni di Pino Daniele tra cui 'Je so pazzo' e 'Napule è'. 

 
Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook