Coronavirus, 15 novembre, ultime notizie sul covid in Italia e nel mondo
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Ven, Gen
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, 15 novembre, ultime notizie sul covid in Italia e nel mondo

Coronavirus, ultime notizie sul covid in Italia e nel mondo

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Zone gialle, rosse e arancioni dopo la firma di una nuova ordinanza sulle regioni da parte del ministro Speranza, bollettini dei contagi aggiornati e tutte le ultime notizie sul coronavirus dall'Italia e dal mondo.

Coronavirus, 15 novembre, ultime notizie sul covid in Italia e nel mondo
Coronavirus, 15 novembre, ultime notizie sul covid in Italia e nel mondo


ORE 21.10 - "E' ragionevole realisticamente che alla fine di gennaio arriveranno i primi vaccini, saranno 1,7 milioni. Saranno 3,4 milioni di dosi, per ogni persona ne serviranno due. Dobbiamo occuparci prima delle persone che sono più a contatto con il virus e delle persone anziane. L'esposizione al virus e la fragilità devono essere le due linee che ci guidano". Sono le parole del commissario straordinario Domenico Arcuri che, a Che tempo che fa, si esprime così sul vaccino contro il coronavirus.

ORE 21 - "Un lockdown nazionale? Penso che le misure messe in campo dal governo in queste settimane siano sufficienti, tengono insieme la salute, il lavoro e il minimo necessario di mobilità. Il virus è assai più diffuso ma produce problematiche assai meno importanti". Sono le parole del commissario straordinario, Domenico Arcuri, che interviene a Che tempo che fa per analizzare l'emergenza coronavirus. "La crescita" del contagio "continua ma è sempre meno imponente. I contagi crescono sempre di meno, la situazione è ancora critica ma non è fuori controllo. Le misure messe in campo stanno iniziando a produrre i primi effetti. Quattro domeniche fa i contagiati erano cresciuti del 114%, domenica scorsa dell’11%, oggi sono cresciuti del 4%. Un mese fa la curva si raddoppiava, oggi cresce decine di volte di meno. Mi aspetto che la curva cresca ancora meno e che ad un certo punto si appiattisca e cominci a decrescere", dice Arcuri. "Dopo, sarà possibile immaginare un progressivo alleggerimento" delle misure.

ORE 19.30 - "A seguito di una lunga riunione dell’unità di crisi, si è deciso che, a partire dal 17 novembre e fino al 3 dicembre, chiuderanno le scuole primarie e secondarie di primo grado della Basilicata". Lo rende noto il Presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, che ha appena firmato una nuova ordinanza che dispone la chiusura di tutte le scuole della regione.

ORE 18.34 - E' bufera sulle parole sulla pandemia pronunciate qualche giorno fa dal direttore di Radio Maria, padre Livio Fanzaga, secondo cui il coronavirus sarebbe nato da "un progetto ben preciso, per colpire soprattutto l'Occidente".

ORE 18.02 - Sono 294 i morti registrati nel Regno Unito nelle ultime 24 ore, 168 in meno di ieri. Lo hanno riferito le autorità sanitarie britanniche, precisando che nel Paese si contano anche 24.962 nuovi casi di Covid-19, in leggero calo rispetto ai 26.860 contagi annunciati sabato. Secondo il 'Guardian', sono 51.934 i decessi in totale dall'inizio dell'emergenza sanitaria.

ORE 17. 35 - "In Calabria ad oggi sono stati sottoposti a test 316.589 soggetti per un totale di tamponi eseguiti 319.813 (allo stesso soggetto possono essere effettuati più test). Le persone risultate positive al Coronavirus sono 10.093 (+ 344 rispetto a ieri), quelle negative 306.496". Sono questi i dati giornalieri relativi all'epidemia da Covid-19 comunicati dal dipartimento Tutela della Salute, che fanno registrare 342 ricoverati (3 meno di ieri), 41 persone in terapia intensiva (+15), 2.880 guariti/dimessi (+286) e 174 morti (+5).

ORE 17.30 - Sono 3.682 i nuovi casi di coronavirus in Piemonte resi noti oggi secondo il bollettino. Da ieri sono stati registrati altri 45 morti, che portano il totale a 5.046 dall'inizio dell'emergenza legata all'epidemia nella regione.

ORE 17.20 - Sono 3.771 i casi di coronavirus emersi nelle ultime 24 ore in Campania dall'analisi di 24.948 tamponi. Dei 3.771 nuovi positivi, 557 sono sintomatici e 3.214 sono asintomatici. Il totale dei casi di coronavirus registrati in Campania dall'inizio dell'emergenza sale a 111.187, mentre i tamponi complessivamente esaminati sono 1.267.12. Sono 725 i nuovi guariti: il totale dei guariti è 21.901. Superati i mille decessi.

ORE 17.10 - Sono 2.612 i nuovi casi di coronavirus nel Lazio resi noti oggi secondo il bollettino. Da ieri sono stati registrati altri 21 morti, che portano il totale a 1.646 dall'inizio dell'emergenza legata all'epidemia nella regione.

ORE 16.56 - Covid Lombardia, 8000 nuovi casi e 181 morti: il bollettino

ORE 16.47 - Sono 33.979 i nuovi casi di coronavirus resi noti oggi in Italia secondo il bollettino del ministero della Salute.

ORE 16.24 - Sono 2.822 i nuovi casi di coronavirus in Emilia Romagna, secondo i dati resi noti oggi nel bollettino, su un totale di 12.562 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. Da ieri sono stati registrati altri 36 morti. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è oggi del 22,5%. Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: dei nuovi contagiati, più della metà (1.494, pari al 53%) sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 329 persone erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone e 443 sono state individuate nell’ambito di focolai già noti. L’età media dei nuovi positivi di oggi è 46,5 anni.

ORE 15.58 - Tra i medici che parlano di coronavirus, c'è anche chi "ha la cultura epidemiologica di uno steward dell'Alitalia". Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute, si esprime così a L'aria di domenica su La7. "Io sono assolutamente d'accordo con gli scienziati che studiano e che parlano soltanto di cose di cui sanno. Io in particolare conosco il professor Galli da tanti anni io non sono mai stato in disaccordo con lui perché lui parla soltanto delle cose che sa e che studia. E' un'autorità assoluta nel suo settore", dice Ricciardi, da settimane convinto della necessità di attuare un lockdown a Napoli e a Milano.

ORE 15.33 - "L'Rt così non è affidabile, capisco le difficoltà di fare delle stime, ma il calcolo dell'Rt dovrebbe rintracciare le persone che si sono ammalate e capire quando si sono ammalate. Va fatto sforzo enorme, è normale che si siano difficoltà visti i numeri". Lo ha detto il presidente dell'Accademia dei Lincei Giorgio Parisi ospite a 'Mezz'ora in più'.

ORE 15.20 - "Temo serva più del 70% della popolazione vaccinata, l’impressione è che forse il 70% non basterà per avere una vera ed effettiva immunità di gregge". Il professor Massimo Galli, direttore del reparto malattia infettive dell'ospedale Sacco di Milano, a L'aria di domenica risponde così alle domande sugli effetti del vaccino contro il coronavirus, che sta completando l'iter di sperimentazione.

ORE 14.57 - "Lo spiraglio c'è, c'è una iniziale ma chiara riduzione della trasmissibilità, l'indice di contagiosità è sceso in maniera importante nel Paese". Lo afferma Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore di Sanità e componente del Cts, ospite della trasmissione tv 'Mezz'ora in più'.

ORE 14.53 - Il coronavirus in Italia già da settembre 2019. Lo afferma uno studio pubblicato sul Tumori Journal, che fa riferimento ad analisi compiute in diverse regioni. Gli anticorpi specifici sono stati trovati in 111 soggetti su 959 a partire da settembre 2019 (il 14% del totale), con un cluster di casi positivi (oltre il 30%) nella seconda settimana di febbraio. Il numero più elevato (53,2%) è stato individuato in Lombardia.

ORE 14.34 - "Lockdown? Ieri ho sentito la conferenza dell'Iss, hanno detto che l’Rt sta rallentando. Se la curva sta rallentando, non si vede ragione di un lockdown nazionale". Sono le parole del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, in collegamento con L'aria di domenica, su La7. "In questo momento in zona gialla ci sono 4-5 regioni, ci sono regioni in zona rossa e arancione con limitazioni strette. Sono tante regioni, purtroppo", aggiunge. "Stiamo combattendo contro il lockdown nazionale, analizziamo la situazione di ogni regione sulla base di 21 criteri. In una regione non conta solo il numero dei contagiati, ma anche lo stato delle strutture ospedaliere".

ORE 14.05 - Sono 2.653 i nuovi casi di coronavirus resi noti oggi in Toscana secondo il bollettino: 1.870 identificati in corso di tracciamento e 783 da attività di screening. Oggi si registrano 44 nuovi decessi: 26 uomini e 18 donne con un'età media di 84,7 anni.

ORE 13.43 - “Quest’anno più che mai c’è voglia e bisogno di Natale... Allora dobbiamo impegnarci tutti adesso: il mio obiettivo è vedere scendere la diffusione del virus nei prossimi dieci giorni, vedere l’Rt sotto l’1%". Così il governatore della Liguria Giovanni Toti sulla sua pagina Facebook.

ORE 12.45 - Domenica funesta in Alto Adige dove si sono registrati 19 morti per Coronavirus. I laboratori dell'Azienda sanitaria nelle ultime 24 ore hanno effettuato 2.926 tamponi e hanno registrato 628 nuovi casi positivi. Il totale dei morti da inizio pandemia arriva a quota 398. Per quanto riguarda i ricoveri, 361 persone nei reparti normali degli ospedali altoatesini mentre altre 43 in terapia intensiva. In isolamento domiciliare risultano attualmente 9.371 persone.

ORE 12.30 - La popolazione austriaca sarà sottoposta a test di massa per contrastare la pandemia di Covid-19. Lo ha annunciato il cancelliere Sebastian Kurz, all'indomani dell'introduzione di nuove misure restrittive che hanno portato l'Austria di nuovo in lockdown.

ORE 12 - "Credo che la competenza sia fondamentale: il ruolo istituzionale è fondamentale ma la conoscenza della ricerca, delle ultime evidenze scientifiche è fondamentale. Bisogna decidere insieme, certamente non può decidere una persona sola o un ente solo: la protezione civile piuttosto che il commissario Arcuri, rispetto a un Parlamento che comunque è importante o a un governo". A indicare la necessità di una scelta comune di politica, classe medica e società civile su come allocare il vaccino contro il covid-19 quando arriverà è Maurizio Casasco, Presidente Confapi e Presidente Società medicina del Lavoro intervenendo a 'Futura 2020', confronto promosso dalla Cgil. "Occorre che la classe medica e scientifica insieme a tutte le parti sociali insieme decidono quelle che sono le priorità rispetto a quelle che sono le possibilità" spiega Casasco invitando comunque a vedere quando arriverà il vaccino e su quali fasce sarà stato testato.

ORE 11 - Quasi 54 milioni di casi e oltre 1,3 milioni di morti in tutto il mondo: è il bilancio aggiornato della pandemia di Coronavirus, dopo che sono stati registrati circa 560.000 positivi in ​​24 ore, secondo il la Johns Hopkins University.

ORE 10.35 - La nuova pandemia di Coronavirus ha provocato 6.947 nuovi casi in Germania nelle ultime 24 ore e 107 morti, rispetto a 22.461 infezioni e 178 decessi del giorno precedente, secondo il bilancio pubblicato domenica scorsa dal Robert Koch Institute, l'agenzia governativa incaricata di monitorare le malattie infettive.

ORE 10.20 - Le autorità russe hanno confermato questa domenica 22.572 nuovi casi di coronavirus - vicino al record di 22.702 contagi registrati sabato - e altri 352 decessi nelle ultime 24 ore in tutto il Paese, secondo i dati del centro operativo nazionale per la lotta contro la malattia. Con queste nuove infezioni, la Russia registra un totale di 1.925.825 casi, l'1,2% rispetto al giorno precedente. La maggior parte dei nuovi contagi sono stati rilevati nella capitale russa (6.271), a San Pietroburgo (1.944) e nella provincia di Mosca (812).

ORE 10.05 - Venite al Pronto Soccorso solo se la vita è in pericolo. E' l'appello dei medici dell'Alto Adige di fronte all'emergenza coronavirus.

ore 9.45 - "Qui siamo seduti non sotto un vulcano, ma sopra. La città è una polveriera e temo che a Roma non ne siano consapevoli. Ho scritto a Conte. Gli ho spiegato che abbiamo bisogno di fondi. Occorre un’ordinanza di Protezione civile che stanzi dei soldi, e che poi il sindaco, l’unico a conoscere da vicino la realtà cittadina, li distribuisca". Lo afferma in un colloquio con La Stampa, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris.

ORE 9.24 - Si dice "fiducioso che i numeri si stiano stabilizzando, diverse evidenze lo dimostrano" ma di fronte alle voci di virologi e politici che si rincorrono tra previsioni confuse, a volte contrastanti, sull’andamento dei contagi, invoca cautela: Aspetterei qualche giorno per dire che il picco della seconda ondata è stato toccato". Così il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri in una intervista a La Stampa dove annuncia un "Natale in emergenza".

ORE 9.09 - La curva del contagio registra la prima 'frenata'. "Abbiamo una tendenza alla diminuzione del Rt, la cui stima questa settimana è di 1,4" rispetto al precedente valore di 1,7, ha detto Gianni Rezza. "L'obiettivo è portare l'Rt sotto 1 nel più breve tempo possibile", ha quindi affermato il presidente dell'Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro.

ORE 8.44 - Scatta da oggi la zona rossa per Campania e Toscana. Le Regioni guidate da Vincenzo De Luca ed Eugenio Giani entrano dunque nella fascia più ad alto rischio. Nuova stretta, quindi, per contrastare la seconda ondata della pandemia di Coronavirus. L'ordinanza firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza, sarà valida per due settimane e prevede una serie di misure, regole e restrizioni.

ORE 8.12 - "La curva sta rallentando e tra poco comincerà a scendere di nuovo ma si allungherà nel tempo, rispetto a quella della prima ondata in quanto abbiamo più casi, diffusi sull’intero territorio nazionale, diagnosticati anche molto meglio, grazie ad una attività di test in continua crescita. E non ci dimentichiamo che siamo appena all’inizio della stagione invernale". Così Ranieri Guerra, direttore aggiunto dell’Oms, in una intervista al Corriere della Sera.

ORE 7.40 - "Piuttosto che riaprire per Natale, penso che la situazione sia così malmessa da dover consigliare l’opposto: approfittare delle ferie di fine anno per chiudere tutto in quelle due settimane e cercare di fermare il contagio. Ma capisco che bisogna tener conto delle esigenze dell’economia". Così Andrea Crisanti, docente di Microbilogia all’università di Padova, in una intervista a Repubblica.

ORE 7.21 - In India il numero dei contagi per coronavirus ha raggiunto gli 8.814.579 con oltre 41.100 nuovi casi in tutto il paese nelle ultime 24 ore, secondo gli ultimi dati rilasciati dal ministero federale della sanità. Stamattina, il bilancio totale delle vittime nel paese a causa della pandemia ha raggiunto 129.635, secondo il ministero, mentre ci sono ancora 479.216 casi di Covid-19 attivi nel paese, mentre 8.205.728 persone sono guarite e dimesse dagli ospedali.

ORE 7.15 - Il Brasile ha raggiunto 165.568 morti per coronavirus, registrando 921 morti in un giorno, secondo i dati ufficiali. Inoltre, le autorità sanitarie del paese hanno segnalato 38.307 nuovi contagi, portando il numero totale di infezioni a 5.848.959. Il governo brasiliano ha avuto difficoltà durante questa settimana ad aggiornare i propri dati a causa di problemi nei sistemi informatici che Agencia Brasil attribuisce a un possibile attacco informatico. Attualmente, il Brasile ha 391.790 casi di contagio, mentre circa 5,3 milioni di persone sono guarite dal Covid-19.

ORE 7.02 - Il Messico ha superato il milione di casi di coronavirus, sono 1.003.253, secondo il Ministero della Salute. Sono 635 persone i deceduti a causa di questa malattia nelle ultime 24 ore. Da quando il primo caso di coronavirus è stato notificato nel Paese il 28 febbraio, 98.259 messicani sono morti a causa del coronavirus, secondo il quotidiano 'El Universal'.

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook