Covid Lombardia, seconda ondata: "Fino a 93% contagi in casa"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Sab, Gen
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Covid Lombardia, seconda ondata: "Fino a 93% contagi in casa"

Covid Lombardia, seconda ondata: "Fino a 93% contagi in casa"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

In Lombardia fino al 93% dei contagi nella seconda ondata di Covid-19 dopo il lockdown è stato di tipo domestico.

Covid Lombardia, seconda ondata:
Covid Lombardia, seconda ondata: "Fino a 93% contagi in casa"

 

E' quanto emerge da un nuovo studio firmato da Carlo Signorelli, docente di Igiene e Sanità pubblica all'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, e dal direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza, pubblicato su 'Acta Biomedica', insieme a colleghi dell'Università di Pavia. 

"Questo studio - spiega Signorelli all'Adnkronos Salute - mirava a identificare le dinamiche della trasmissione di Sars-Cov-2 attraverso l'analisi dei cluster e dei piccoli focolai rilevati dal sistema di sorveglianza della Regione Lombardia nel corso della seconda ondata epidemica".  

Confrontando i dati prima e dopo l'introduzione di misure restrittive (coprifuoco notturno, chiusura parziale di scuole e attività commerciali, smart working), "abbiamo osservato una significativa diminuzione delle infezioni nei luoghi di lavoro, in incontri sociali, bar, ristoranti e centri sportivi. Il contagio nelle scuole è diminuito dal 9,8% al 3,4%, negli ambienti ospedalieri e nelle case di cura è passato dal 5,2% al 2%. Ma le infezioni domestiche sono invece aumentate dal 72,8% al 92,7%". 

"Questi risultati suggeriscono che le misure di contenimento sono state efficaci nel controllare la circolazione del virus nella comunità ma non a livello familiare e potrebbero essere utili per futuri interventi, tra cui l'istituzione e l'utilizzo di strutture (Covid hotel) per l'isolamento delle persone contagiate", scrivono i ricercatori.  

"Sappiamo ora quantificare il rischio di trasmissione tra i membri della famiglia e durante le riunioni in casa. Un elemento di cui tenere conto - conclude Signorelli - Via via che passano i mesi impariamo che ci sono attività più o meno a rischio. E che anche misure meno drastiche rispetto a quelle della primavera scorsa sono efficaci" nel frenare la corsa del virus.  

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook