Nuovo decreto covid, oggi incontro governo-Regioni
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Nuovo decreto covid, oggi incontro governo-Regioni

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Misure anti-Covid: è stato convocato per questa sera alle 19 un incontro in videoconferenza governo-Regioni in vista del Consiglio dei ministri di domattina.

Al centro della riunione, che vedrà la partecipazione della ministra per gli Affari regionali Mariastella Gelmini e del ministro della Salute Roberto Speranza, la proroga del divieto di spostamento tra regioni, in scadenza il 25 febbraio, e, probabilmente, la questione vaccini. 

La linea del governo, apprende l'Adnkronos, prevede la proroga fino al 31 marzo dello stop degli spostamenti tra regioni, attualmente in vigore fino al 25 febbraio. I governatori, intanto, chiedono di rivedere il sistema che divide l'Italia in zona rossa, arancione e gialla. Inoltre, sottolineano la necessità di modificare criteri e parametri di valutazione. 

Governo - Il governo guidato da Mario Draghi si appresta ad adottare misure per contrastare la diffusione del coronavirus e arginare in particolare l'effetto delle varianti covid. L'ipotesi circolata negli ultimi giorni prevedeva uno slittamento dello stop fino al 5 marzo, quando sarebbero scadute anche le altre misure anti-Covid. Ma nelle ultime riunioni a Palazzo Chigi è stata valutata la linea che porterebbe allo stop fino al 31 marzo e che riguarderebbe tutte le regioni, a prescindere dall'appartenenza a zona rossa, arancione o gialla. 

Regioni - Le regioni non sposano l'idea di una zona arancione estesa a tutta l'Italia. Ieri, dopo il confronto tra i governatori, le posizioni sono state illustrate da Stefano Bonaccini, presidente dell'Emilia Romagna. Le regioni invocano un "cambio di passo" sui vaccini anti Covid e una "revisione" di misure e regole del sistema a colori. I governatori chiedono "un incontro urgente" al governo. 

Zona rossa, arancione, gialla - Poi, sulla suddivisione dell'Italia in zone, "è necessaria una revisione ed una semplificazione con la contestuale revisione dei criteri e dei parametri di classificazione. Serve un respiro più lungo ed un’analisi approfondita dei luoghi e delle attività, anche in base ai dati di rischio già accertati. Non solo. Occorre che le misure siano conosciute con congruo anticipo e tempestività dai cittadini e dalle imprese. Tutte le Regioni hanno poi richiesto – ha concluso Bonaccini - che per i provvedimenti che introducono restrizioni particolari per singoli territori si attivino anche contestualmente gli indennizzi per le categorie coinvolte. Sia che si tratti di provvedimenti restrittivi regionali, sia che si tratti di provvedimenti nazionali". 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002

Seguici anche su Facebook