Sostenibilita
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

 

La pandemia da Covid-19 è un grande acceleratore della transizione sostenibile e l’insediamento del nuovo Governo, con un dicastero specifico su questa tematica, sottolinea l’urgenza di avere un piano di azione concreto e coordinato. Le istituzioni mostrano una rinnovata sensibilità sui temi ambientali e sociali ma come si stanno muovendo le aziende a riguardo?  

 

Bisogna "ridurre l'Iva sugli assorbenti e, a questo punto, direi anche su tutti i prodotti di prima necessità e che non sono un lusso. Ridurre l'Iva sugli assorbenti sarebbe un bel segnale sia concreto sia culturale". Così Marco Pedroni, presidente Coop Italia e Ancc-Coop, in occasione in occasione della presentazione della nuova campagna di Coop sulla parità di genere “Close the Gap- riduciamo le differenze”. 

 

"Per quanto riguarda l'attività interna e sindacale, anticipo che abbiamo dato la nostra disponibilità alle organizzazioni sindacali, in vista anche del rinnovo del contratto nazionale di lavoro che ci sarà nei prossimi mesi, di mettere il tema della differenza e della parità di genere come uno dei temi da inserire tra gli argomenti contrattuali".

 

Secondo il Global Gender Gap Index sui temi dell’equità di genere il nostro Paese figura al 76esimo posto tra i 153 censiti e al 17esimo sui 20 dell’Europa Occidentale (peggio di noi solo Grecia, Malta e Cipro). La pandemia ha solo aggravato una situazione già di per sé non invidiabile: solo nel mese di dicembre 2020, in Italia si sono persi 101mila posti di lavoro e 99mila erano di donne.  

 

 “Il turismo non può più essere visto in un'ottica “neocoloniale”, ma deve basarsi sul rispetto e sull'amore per il territorio che si va a visitare, sulla conoscenza di diverse culture e modi di vivere e sul rispetto delle comunità locali”.  Così Giovanna Iannantuoni, rettrice dell’Università Milano Bicocca, è intervenuta a margine dell'accordo stipulato oggi tra l'ateneo e il governo delle Maldive, che sancisce l'avvio di un progetto per il restauro delle scogliere coralline.  

 

 "Tra le tecniche usate per restaurare le scogliere coralline c'è il 'coral gardening', che consiste in allevare i coralli in vivai sommersi  poi riposizionarli con tecniche specifiche a seconda di quella che era la loro distribuzione nelle aree danneggiate". Così Simone Montano, biologo marino dell’Università Milano Bicocca, ha spiegato una delle attività del progetto dell'ateneo frutto dell'accordo stipulato oggi con il governo delle Maldive per salvaguardare i coralli dell'arcipelago.  

Seguici anche su Facebook