Sostenibilita
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

 

Un carrello della spesa più sostenibile. Con questo obiettivo ha preso il via in alcuni supermarket la campagna di sensibilizzazione per spingere i consumatori a scegliere prodotti (sughi pronti, succhi, oli, condimenti, salse) confezionati in vetro, un packaging amico dell'ambiente e della sicurezza alimentare.

 

Gli stock ittici del Mediterraneo potrebbero rigenerarsi se il 30% del mare venisse protetto efficacemente. Considerando che ad oggi, solo il 9,68% del Mar Mediterraneo è indicato come ‘protetto’ e che solo l’1,27% è effettivamente tutelato, c’è ancora molto lavoro da fare.

 

L'Università di Milano-Bicocca e il governo della Repubblica delle Maldive hanno firmato un accordo per la salvaguardia della scogliera corallina dell'arcipelago: un team guidato dai ricercatori dell'ateneo censirà le tecniche usate per il restauro delle scogliere coralline (coral reef restoration), con l'obiettivo di individuare quelle più efficaci per garantire la sopravvivenza di questi delicati organismi.    

 

Le utility italiane negli anni scorsi hanno investito nella 'resilienza': buona parte dei 7,2 miliardi impegnati nel 2019 (+10% rispetto all’anno precedente) hanno già predisposto gli strumenti per resistere meglio a fenomeni di dimensione planetaria, come il cambiamento del clima, la crisi sanitaria, i rischi digitali di sistema. 

 

Le aree protette promuovono l'idea del ministero della Transizione ecologica e avanzano le loro richieste. "E' una scelta importante. La conservazione della biodiversità non si può fare se non si incide sul sistema produttivo, sui trasporti, i rifiuti e così via. Transizione ecologica significa questo: ragionare in maniera più ampia e non considerando le aree protette come un recinto chiuso, ma come laboratori in cui sperimentare lo sviluppo sostenibile.

Seguici anche su Facebook