Spettacoli - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Gio, Mag

Spettacoli

Notizie e video su musica, televisione, cinema e teatro: film in uscita, streaming, trailer, serie e programmi tv, concerti, video musicali e molto altro

Ennesimo trionfo per i Maneskin. La band romana ha vinto il premio nella categoria miglior gruppo rock agli Mtv European Music Awards 2021 di Budapest. Damiano, Vittoria, Thomas e Ethan, nominati in tre categorie, hanno superato avversari del calibro di Coldplay, Foo Fighters, Imagine Dragons, Kings Of Leon e The Killers. 

Si tratta

"Provo una grande gioia per il successo dei Maneskin. Giovani, belli, con un grande talento. Musicisti di strada e di strade infinite. È solo l’inizio di una bellissima avventura. La musica prodotta in Italia non è seconda a nessuno, loro ne sono la testimonianza. Hanno in più una presenza scenica e una padronanza del palco che poche band al mondo possono vantare. W i Maneskin, W la musica e W i successi italiani nel mondo".

"Un altro Cinepanettone mi piacerebbe moltissimo, moltissimo. Quest'anno, dopo 30 anni, è la prima volta che non sono al cinema con un film di Natale, e mi dispiace molto. L'anno prossimo però faremo sicuramente il cinepanettone con Christian”. A parlare, ospite di Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1, è l'attore Massimo Boldi che ammette il desiderio di tornare a fare i cinepanettoni con De Sica.

"C'è sempre un grande rischio nel 'modernizzare' o meglio nel trasferire la sfera temporale di un classico nel mondo contemporaneo. L'idea registica in questo caso sposta la famiglia in crisi da una borghesia piccina e gretta del Seicento a una piccola e media borghesia chiusa, potremmo dire 'pasoliniana', del Novecento, più precisamente degli anni Sessanta del boom economico".

"Adoro i Maneskin, il loro modo di porsi e abbigliarsi, gonne corte e giarrettiere, occhi bistrati, amo soprattutto Damiano, ha il diavolo il corpo, con lui andrei anche all'Inferno. Il mio più grande desiderio è vederlo danzare a Ballando con le stelle'. E' quanto ha dichiarato all'Adnkronos lo stilista Guillermo Mariotto commentando il look dei Maneskin.

'Gomorra' al capolinea: siamo al gran finale di una serie tv - dal 19 novembre su Sky e in streaming su Now, per cinque venerdì - che dall'Italia, targata Sky Original e prodotta da Cattleya con Beta Film, ha conquistato il mercato televisivo internazionale di oltre 190 Paesi, partendo dal romanzo di Roberto Saviano edito da Mondadori e arrivando dopo un 'work in progress' lungo 58 episodi distribuiti in cinque stagioni per otto anni, al 'The End' con sicuro rammarico per i telespettatori, malcelato anche dai protagonisti, a cominciare dai due 'eroi' al negativo della serie: Ciro e Genny, ovvero Marco D'Amore - anche nelle vesti di regista di sei episodi su dieci con gli altri quattro diretti da Claudio Cupellini - e Salvatore Esposito, affiancati fra gli altri da Ivana Lotito 'Azzurra', Arturo Muselli 'Enzo Sangue Blu', Mimmo Borrelli 'o Maestrale'.

Fedez 'scende in campo' "perché la politica italiana è una cosa seria. Vota Disumano". Il rapper svela così, con un video sui social che ricalca il famigerato annuncio della 'discesa in campo' di Silvio Berlusconi, cosa si celava dietro la registrazione di un dominio internet elettorale che aveva tanto fatto parlare e scrivere la scorsa settimana: il lancio del nuovo album 'Disumano'.

I Cugini di Campagna insistono: i Maneskin hanno attinto dai loro look anche per la perfomance degli MtvEma. Mentre la band romana conquista un nuovo importante traguardo con la vittoria come miglior rock band agli MtvEma, regalando un'altra prima volta all'Italia, con la vittoria in una categoria internazionale, sui social si moltiplicano i complimenti ma anche le battute.

Nessuna chiusura per Tg4 e Studio Aperto. E nemmeno per Sport Mediaset. Semplicemente una riorganizzazione interna delle 'line' di tutte le testate in un'ottica di ottimizzazione: ma volti e loghi delle testate resteranno diversificate. Lo chiariscono all'Adnkronos fonti di Cologno Monzese spiegando che l'unico cambiamento visibile sarà il cambio di nome di News Mediaset in TgCom.