Danza, Slc-Cgil a Anticorpi XL: "troppe criticità, sediamoci a tavolo"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
12
Mer, Giu

Danza, Slc-Cgil a Anticorpi XL: "troppe criticità, sediamoci a tavolo"

Spettacoli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Dagli artisti emergenti agli accordi su compensi, dal rispetto dei parametri per partecipare alla selezione dei bandi alla 'definizione' di processo creativo e autoriale, dal problema dei cachet agli adempimenti fiscali e previdenziali.

alternate textUn'immgine di ''all 

 

Sono alcune delle criticità che il sindacato Slc-Cgil ha riscontrato nel lavoro di programmazione del Network Anticorpi XL. Per l'occasione è stata inviata una comunicazione a Christel Grillo coordinatrice Network Anticorpi XL e co-curatrice dei progetti di rete con l'obiettivo di calendarizzare un incontro al fine di "condividere alcune osservazioni rispetto alla situazione dei coreografi, dei danzatori e delle danzatrici italiane", si legge in una nota del sindacato.

"Il Network, la cui azione fondante è la Vetrina della giovane danza d’autore che tutti gli anni si tiene a Ravenna, svolge un peculiare lavoro di scoperta di talenti e riesce, in taluni casi - si legge ancora nella nota - a fornire agli artisti strumenti essenziali per la costruzione e la prosecuzione delle proprie carriere potendo contare su una capillare rete di operatori e operatrici culturali attiva nella maggior parte dei territori italiani".

Tra le criticità del settore, "l'accordo sui compensi e i cachet proposti che non valorizzano adeguatamente gli autori che Anticorpi intende sostenere. Tra l’altro gli autori, in quanto emergenti e dunque neofiti sul mercato - si legge ancora nella nota - si associano a cooperative o enti di produzione al fine di poter essere contrattualizzare correttamente, essere assicurati e adempiere a tutti gli obblighi previsti dalla normativa spettacolistica. In molti casi le associazioni che si occupano di tali adempimenti per conto degli autori, applicano in corrispettivo una percentuale fissa che viene detratta dal cachet e che quindi va a ridurre le paghe di artisti e tecnici coinvolti".

"Le nostre riflessioni vorrebbero essere l'occasione per dare avvio a un dibattito che coinvolga tutti i principali protagonisti del sistema danza in Italia tra cui il Network Anticorpi - conclude la nota - Crediamo vivamente che solo condividendo criticità, necessità e idee si possa compiere un efficace salto in avanti gettando le basi per un modello in rete virtuoso e sostenibile per tutti".

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.