Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Gio, Apr

 

Jp Morgan finanzierà il progetto della Superleague. I 12 club "ribelli" dimostrano di fare sul serio: dopo l'annuncio ufficiale e l'uscita dall'Eca, i club membri hanno già trovato, nel colosso finanziario, il loro finanziatore. "Il nuovo torneo annuale fornirà una crescita economica significativamente più elevata ed un supporto al calcio europeo tramite un impegno di lungo termine a versare dei contributi di solidarietà senza tetto massimo, che cresceranno in linea con i ricavi della lega". Questo quanto scritto sul comunicato ufficiale di Jp Morgan. "Inoltre - prosegue il comunicato - il torneo sarà costruito su una base finanziaria sostenibile con tutti i Club Fondatori che aderiscono ad un quadro di spesa. In cambio del loro impegno, i Club Fondatori riceveranno un contributo una tantum pari a 3.5 miliardi di euro a supporto dei loro piani d’investimento in infrastrutture e per bilanciare l’impatto della pandemia Covid-19". 

 

"Il denaro non è tutto", "il calcio e lo sport sono di tutti". Così il leader della Lega Matteo Salvini sull'idea della Superlega annunciata dai 12 prestigiosi club europei, compresi Inter, Juve e Milan. “Da tifoso milanista, dovrei essere contento che la mia squadra possa partecipare ad una Superlega europea, incassando un sacco di soldi, a prescindere da merito, impegno e risultati - dice - Ma, da sportivo e da italiano, dico che il denaro non è tutto, e i milioni non sono sufficienti per azzerare simboli, storia, merito, cuore e passione". "Il calcio e lo sport sono di tutti - conclude - non di pochi privilegiati. Mi piacciono le vittorie conquistate con il sudore sul campo, non quelle comprate coi milioni in Borsa”.  

 

Rally in Borsa della Juventus con la nascita della Superlega, annunciata da dodici club europei poche ore fa. Il titolo avanza del 7,2% a 0,82 euro, dopo aver toccato un massimo di 0,85 euro all'avvio degli scambi a Piazza Affari.  

La nuova competizione calcistica infrasettimanale, la Super League, sarà governata dai club fondatori: Milan, Arsenal, Atletico Madrid, Chelsea, Barcellona, Inter, Juventus, Liverpool, Manchester City, Manchester United, Real Madrid e Tottenham hanno già aderito ed è previsto che altri tre club aderiscano.  

 

Anche la Fifa boccia l'idea della Superlega annunciata dai 12 prestigiosi club europei, compresi Inter, Juve e Milan, perché "non rispettoso dei principi" della Federazione. "La Fifa desidera chiarire che è ferma a favore della solidarietà nel calcio e di un modello di ridistribuzione equa che può aiutare a sviluppare il calcio come sport, in particolare a livello globale, dallo sviluppo il calcio globale è la missione principale della Fifa", afferma la Federazione internazionale del calcio.

 

Il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, si è dimesso da presidente dell'Eca, l'associazione che rappresenta le squadre di calcio in ambito europeo, e anche la Juventus ne è uscita come società. Agnelli si è dimesso anche dall'esecutivo Uefa. 

 

La Superlega è nata. Come funzionerà il nuovo torneo? Quando inizia? "La Super League è una nuova competizione europea tra 20 club che comprendono 15 club fondatori e 5 qualificati annualmente. Ci saranno due Gironi composti da 10 squadre ciascuno, che giocheranno sia in casa che in trasferta. La Super League, riunendo i migliori club e i migliori giocatori al mondo, riuscirà ad offrire un’emozione e un coinvolgimento mai visti prima nel calcio", si legge sul sito ufficiale, appena lanciato. I club che aderiscono "riceveranno 3,5 miliardi di euro per sostenere i piani di investimento e per assorbire l'impatto della pandemia". 

 

E' nata la Superlega. "Dodici prestigiosi club europei hanno annunciato oggi congiuntamente un accordo per costituire una nuova competizione calcistica infrasettimanale, la Super League, governata dai club fondatori. Milan, Arsenal, Atletico Madrid, Chelsea, Barcellona, Inter, Juventus, Liverpool, Manchester City, Manchester United, Real Madrid e Tottenham hanno aderito in qualità di club fondatori. E' previsto che altri 3 club aderiranno come club fondatori prima della stagione inaugurale, che dovrebbe iniziare non appena possibile", si legge in una nota, pubblicata sul sito delle società , comprese Juventus e Milan. Il progetto è destinato a creare un terremoto nel calcio europeo. La Uefa, prima ancora dell'annuncio, aveva prospettato l'ipotesi di provvedimenti dei confronti dei club, che rischierebbero l'esclusione dai rispettivi campionati nazionali. 

 

Finisce 1-1 il posticipo della 31esima giornata di campionato tra Napoli e Inter. Allo stadio Maradona gli azzurri frenano la corsa della capolista, andando in vantaggio al 35' grazie a un autogol di Handanovic ma nella ripresa Eriksen al 55' pareggia i conti. In classifica l'Inter sale a 75 punti, +9 sul Milan, a 60 i partenopei a -2 dal quarto posto occupato dalla Juventus.  

 

La Superlega non piace a Emmanuel Macron e a Boris Johnson. Il presidente francese e il premier britannico si sono schierati contro il progetto di un 'torneo per ricchi' che rischia di spaccare il calcio europeo. A fondare la Superlega dovrebbero essere Manchester United, Liverpool, Manchester City, Arsenal, Chelsea, Tottenham, Barcellona, Real Madrid, Atletico Madrid, Inter, Milan e Juventus. Macron ha chiarito che la Francia è pronta a sostenere "tutti i passi" che le istituzioni calcistiche valuteranno per difendere le attuali competizioni.

 

L'Atalanta batte 1-0 la Juventus vincendo la sfida Champions contro i bianconeri valida per la 31esima giornata di Serie A. A decidere l'incontro del Gewiss Stadium una rete di Malinovskyi, con tiro deviato da un bianconero, all'86'. In classifica i nerazzurri scavalcano i campioni d'Italia in terza posizione con 64 punti (2 in meno del Milan) a 62 la Juve. 

 

Vittoria importante in chiave salvezza del Torino che rimonta la Roma vincendo 3-1 la sfida delle 18 valida per la 31esima giornata. Alla rete iniziale dei giallorossi con Mayoral al 2' replicano nella ripresa Sanabria, 57', Zaza, 71' e Rincon al 91'. In classifica i granata, con una partita in meno, raggiungono Fiorentina e Benevento a 30 punti staccando di 5 lunghezze il Cagliari terzultimo. Si allontana la Champions per la Roma ora distante 8 punti dalla quarta posizione.  

Sottocategorie