Qatar 2022, la Germania non sarà punita dalla Fifa per le 'bocche coperte'
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
04
Dom, Dic

Qatar 2022, la Germania non sarà punita dalla Fifa per le 'bocche coperte'

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - I giocatori tedeschi non dovranno affrontare alcuna azione disciplinare da parte della Fifa dopo aver portato la protesta della fascia 'One Love' ad un nuovo livello, con i giocatori che si sono coperti la bocca durante una foto di squadra ai Mondiali. La mossa ha segnato un altro giorno di tensione tra le sette nazioni europee

che hanno sostenuto la campagna One Love e la Fifa, con il gruppo - che comprende le federazioni calcistiche inglese e gallese - che esplora le proprie opzioni legali sulla questione.  

Parlando del gesto delle "bocche coperte" dopo la sconfitta per 2-1 della sua squadra contro il Giappone, il Ct della Germania Hansi Flick ha dichiarato: "Era un segnale, un messaggio che volevamo lanciare. Volevamo trasmettere il messaggio che la Fifa ci sta mettendo a tacere". Il gesto tedesco avrebbe potuto provocare un'azione disciplinare da parte della Fifa ai sensi dell'articolo 11 del suo codice disciplinare, dove si precisa che chiunque "utilizzi un evento sportivo per manifestazioni di carattere non sportivo" può essere sanzionato. 

La Fifa deve ancora commentare ciò che ha fatto la squadra tedesca, ma si è capito che non ci sarà alcuna azione disciplinare formale da parte dell'organo di governo. In un tweet della federazione tedesca si legge: "Volevamo utilizzare la nostra fascia da capitano per difendere i valori che abbiamo nella nazionale tedesca: diversità e rispetto reciproco. Insieme ad altre nazioni, volevamo che la nostra voce fosse ascoltata. Non si trattava di fare una dichiarazione politica: i diritti umani non sono negoziabili. Dovrebbe essere dato per scontato, ma non è ancora così. Ecco perché questo messaggio è così importante per noi. Negare la fascia da braccio è il equivale a negarci una voce. Manteniamo la nostra posizione". C'è però il rischio che il gesto tedesco sia isolato. Anche la Svizzera fa parte del gruppo One Love, ma il loro capitano Granit Xhaka ha indicato che la sua squadra non organizzerà una protesta simile prima della partita di apertura contro il Camerun. 

La Federcalcio (Fa) ha rifiutato di commentare se la squadra inglese avrebbe copiato il gesto tedesco prima della partita contro gli Stati Uniti di venerdì, mentre l'amministratore delegato della Federcalcio gallese Noel Mooney si è detto "furioso" per il comportamento della Fifa. L'Inghilterra e il Galles sono stati informati solo poche ore prima delle partite di apertura di lunedì che avrebbero dovuto affrontare sanzioni sportive se i capitani Harry Kane e Gareth Bale avessero indossato le fasce color arcobaleno. 

Mooney ha detto a ITV: "Da mesi e mesi sapevano che avremmo indossato la fascia al braccio 'One Love', e dare la colpa a noi è abbastanza economico e piuttosto basso per essere onesti e siamo davvero delusi da questo atteggiamento. Siamo assolutamente furiosi per questo, abbiamo detto tutto alla Fifa per questa decisione. Pensiamo che sia stata una decisione terribile". Alla domanda se gli sembrava che il gruppo One Love avesse fatto marcia indietro, Mooney ha detto: "Non ci siamo tirati indietro. Abbiamo dovuto guardare alla sanzione sportiva che c'era". "Avevamo detto che avremmo preso multe, avremmo accettato qualunque sanzione arrivasse, ma quando all'ultimo momento si è passati a specifiche sanzioni sportive che avrebbero potenzialmente impedito ai nostri giocatori di scendere in campo, è stata una cosa diversa. È stato fatto tardi". 

La campagna One Love è iniziata a settembre e durerà un anno, ma doveva essere particolarmente significativa durante la Coppa del Mondo in Qatar, un paese in cui le relazioni tra persone dello stesso sesso sono criminalizzate. Secondo PA che gli avvocati del gruppo stanno esaminando i regolamenti per vagliare le sanzioni di cui le associazioni sono state minacciate. L'amministratore delegato della FA danese, Jakob Jensen, ha confermato che si stanno esplorando opzioni legali, ma ha affermato che il gruppo non può rivolgersi immediatamente alla Corte di arbitrato per lo sport (Tas). 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.