Juve-Roma 2-0, bianconeri al terzo posto - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
27
Lun, Set

Juve-Roma 2-0, bianconeri al terzo posto

Juve-Roma 2-0, bianconeri al terzo posto

Calcio
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La Juventus batte la Roma 2-0 e la scavalca al terzo posto della Serie A dopo la seconda giornata di ritorno. I bianconeri, protagonisti di una prova ordinata, sbloccano il risultato al 13' con il sinistro di Ronaldo.

Juve-Roma 2-0, bianconeri al terzo posto
Juve-Roma 2-0, bianconeri al terzo posto

 

La Roma gestisce il possesso del pallone per lunghi tratti della gara ma fatica a rendersi pericolosa dalle parti della porta bianconera. Ronaldo sfiora il bis con un destro che si stampa sulla traversa. La Juve controlla e alla prima vera accelerazione della ripresa trova il raddoppio. Verticalizzazione per il neoentrato Kulusevski, palla al centro e Ibanez nel tentativo di anticipare Ronaldo infila nella propria porta. I campioni d'Italia, che devono recuperare un match, salgono a 42 punti. La Roma rimane a 40. 

"Avevamo preparato questo tipo di partita, sapevamo che la Roma gioca un ottimo calcio. Eravamo preparati a chiudere e ripartire, era questo il tipo di partita che volevamo fare: era difficile andarli a prendere con grande intensità ed eravamo pronti a chiuderci, difficile andare a prendere tutte le volte la Roma, quando non abbiamo potuto li abbiamo aspettati e ci siamo chiusi bene", dice il tecnico bianconero Andrea Pirlo. 

“Abbiamo fatto la partita fatta dalla Roma all’andata. Loro ci erano ripartiti un sacco di volte, dovevamo trovare soluzioni e loro lasciano spazio. Potremo ripeterla anche i futuro, non possiamo avere la forza sempre di prendere gli avversari alti”, prosegue ai microfoni di Sky Sport. 

E sulla crescita della squadra conclude: "Le partite e le sconfitte ti fanno crescere, è normale che ogni minima cosa ti serva per migliorare. Ho una grande squadre e una grande società che mi sta alle spalle. Ho imparato tante cose, non tutte le partite sono uguali, i moduli e le soluzioni variano. Giocare sempre uguale diventa schematico". 

“Abbiamo giocato bene per quasi tutta la partita, ma non possiamo dimenticare che abbiamo affrontato la Juve. Loro hanno difeso bene, i numeri sono numeri, ha vinto la partita la squadra che ha fatto gol", dice il tecnico giallorosso, Paulo Fonseca. 

"Noi abbiamo avuto più occasioni, abbiamo tenuto di più palla e anche corner ma vince chi segna -prosegue il mister ai microfoni di Sky Sport-. Abbiamo avuto il coraggio di venire qui e fare il nostro gioco. La Juve si è difesa vicino all'area con molti uomini, abbiamo sbagliato le ultime decisioni, per il resto la squadra l'ho vista bene. La Juve ha tentato di far pressione ma non glielo abbiamo permesso". 

"Sono orgoglioso della squadra, se giochiamo come oggi sono fiducioso per il futuro. Abbiamo dimostrato grande carattere", conclude il portoghese.